Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/574


— 558 — Lombardia: Accidentale nella prov. di Bergamo, ove un esemplare venne ucciso in riva al Serio nel 1870, si conserva in Bergamo nel Museo Sarpi (Stefanini). Così nella prov. di Milano {Brambilla). Di casuale comparsa in quella Cremona (Ferragni). Rara, presa a Cizzolo ed a Castellaro nella prov. di Mantova (Paglia). Di comparsa accidentale in Lombardia (Turati, Borromeo). Veneto : Il 7 gennaio 1887 venne ucciso un bellissimo maschio giovane presso Codroipo nel Friuli; lo ebbe il si- gnor G. Vallon, il quale gentilmente cedeva anclae questa rarità alla Collezione centrale dei Vertebrati italiani; pe- sava 3950 grammi e nello stomaco aveva 320 grammi d' erbe. Quasi contemporaneamente il conte Ninni di Vene- zia ebbe una femmina (Giglioli). Accidentale nel Friuli (Del Torre). Accidentale nella prov. di Padova; un esemplare preso a Giarabassa era nella raccolta Benazzato a Camisano Vicentino (Arrigoni). Emilia: Il 1*^ febbraio 1889 una femmina di questa specie venne uccisa presso Molinella, Bologna, ed il ma- schio sarebbe poi stato preso nelle risaie di Portonuovo : la notizia è data dal signor A. Gulcinelli in « Caccia e Cor- se », III, p. 70 (Giglioli). Un individuo di questa specie fu ucciso presso Novi, Modenese, nell' autunno 1885 (Picaglia). Di accidentale comparsa nella prov. di Parma (Del Prato). Liguria: Capita raramente in primavera ed in autunno nel Nizzardo, da almeno 4 anni non se ne son vedute (Gal). Rara nel distretto di Spezia, ne ebbe una da Prata nel di- cembre 1860 il prof. Magni-Griffi (Carazzi). Toscana : Accidentale nella prov. di Lucca (Gragnani). Nel 1884 venne ucciso e mangiato dai contadini nel distretto di Lari, Pisa, un individuo di questa specie (Papasogli). Accidentale nella prov. di Firenze, ne conservo un maschio adulto preso vicino a Firenze nell'inverno 1830; V. Savi, Ora. Tose, III, p. 231 (Giglioli). Di casuale comparsa nel- 1' inverno nel Senese ed in Maremma (Dei, Ademollo); una venne presa a Lucignano d' Arbia il 5 febbraio 1842 (Dei). Marche: Rarissima; avuta da Musone (Paohicci). — 559 —