Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/543


zione parziale {Degli Alessandri). Accidentale in poggio nel distretto di Fucecchio (Lenzi). piuttosto frequente ai monti (Ttirchetti)', sedentaria in quello d' Empoli (Fucini); frequente e sedentaria nei distretti di Fiesole e Signa (Gargiolli, Fon- tébuoni)] si distingue in « bottaccia » e « scopina; » in no- vembre alcune viaggiano {Fontehuoni). Comune e sedentaria nel Casentino, Arezzo {Beni^ Fiorini^ Pauer); si distingue la razza « stipajola » che fu assai abbondante nel 1887 {Fio- rini). Comune e sedentaria in Val di Chiana, scende al piano nel tardo autunno (Griffoli). Cosi ne] distretto di Sarteano, Siena; abbonda più in Val d'Orcia (Bargagli); sedentaria in quello di S. Gimignano {Paulucci, Marri). Comune e se- dentaria nelle prov. di Siena e di Grosseto, meno però in questa {Dei^ Ademollo, Cambi)', quelle che covano sul monte Amiata scendono in basso col freddo, si dice siano una razza più piccola (Dei). Abbondantissima e sedentaria in Toscana; in novembre e dicembre diventa erratica in piccoli bran- chetti di 10 a 15 individui {Roster). Marche : Comune e sedentaria in collina {Paolucci). Lazio : Abbondante e sedentaria al piano ed in collina nel distretto di Montefiascone, Viterbo; distinguonsi due razze, una grande o « reale, » l'altra piccola detta « natu- rale » (Mimmi). Abruzzi : Frequente ovunque e sedentaria nel distretto di lelsi, Campobasso (D'Amico). Puglie : Sedentaria, non infrequente, ma neanche ab- bondante (De Romita). Calabrie : Comune ovunque e sedentaria nella prov. di Catanzaro (De Fiore). Comune una volta nella piana di Palme, è ora affatto scomparsa (Moretti). 334. CotUrniX COmmUniS, Bonnat. (ex Gesn.) Quaglia. Quàia, Quàgia (Basso-Piem.) — Maggenghi (giov.), Qua- gliastro, Fitte (Milano) — Quaia, Quaiat, Palpaquà (Cadore) —