Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/536


latile di qualunque altra specie che non sia il Francolino, potrebbe andarli ad occupare; eppure il Francolino non vi andava. Ma qui mi si potrebbe fare la seguente domanda. Avete detto in principio che il Francolino esisteva un tempo nel feudo Cutomino, che è distante circa 20 chilometri da Ter- ranova, e che di là molti individui nel principio del pre- sente secolo vennero sin sotto questa città ? Come avve- niva ciò? Rispondo con ciò che implicitamente dissi in principio di questo' scritto. Che i Francolini vi scendevano per mezzo del fiume Gela e del torrente Cimia, alle sponde dei quali, piene di canneti, giunchi e cespugli d'ogni sorta trovavano i luoghi opportuni per poter dimorare e cam- minare senza bisogno di adoprar le ali per venire sino alle vicinanze di Terranova. Ugualmente, se dalle terre Falco- nara e dalle altre tenute vi fossero stati fiumi, torrenti, o terre nelle eguali condizioni in continuazione di quelle esi- stenti nelle vicinanze di Licata cosicché i Francolini aves- sero potuto recarvisi facilmente camminando, essi si sareb- bero trovati anche colà. Ma non essendo vene, sta la mia opinione che il Francolino non è originario di Sicilia, e che in Cutomino e Falconara fu importato da quei ricchi signori proprietari d'allora, per arricchirne le loro bandite. Il Francolino è onnivoro. Nidifica in mezzo ai cespu- gli facendo una leggera escavazione nella terra, e rivesten- dola rozzamente di foglie, di steli ed erbe secche; ivi depone le uova che non sono mai meno di dieci, ed arrivano spesso a sedici. Non credo che il maschio prenda parte alla cova- tura; sono anzi piuttosto di parere contrario, perchè credo che i Francolini siano in ciò simili alle pernici ed alle quaglie. Spero che questi brevi cenni non saranno fuor di luogo ed inopportuni, per togliere in alcuni il dubbio che in Ter- ranova abbia esistito il Francolino (Carvana). Il nome volgare di Tritarì deriva dal fatto che il Francolino si vendeva tre tari (L. ital. 1,27), quando era comune nella piana di Finale, proprietà dei marchesi Gera-