Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/528


512 — figurava col nome di F. arenarius^ è passato, per dono ge- neroso di questi, nella Collezione italiana centrale a Firen- ze ; è un maschio giovane in condizioni abbastanza buone di conservazione; è peccato davvero che non sia stato te- nuto conto esatto della data della cattura. Il prof. Carazzi ha poi pubblicato {Boll. Soc. A^at. NcqyoU, 1, fase. 1, 1887) una nota in proposito (GiglioU). 33*7. Syrrhaptes paradoxus (Paii.) SlRRATTE. Nella primaTera del 1888 una nuova invasione di que- sta interessantissima specie asiatica avvenne in Europa, e dalle steppe della Mongolia una enorme colonna migrante si spinse ad occidente attraversando l' Europa dalla Scandi- navia al Mediterraneo, e raggiungendo in numero ragguar- devole le lontane isole Britanniche; il primo ad avvertire questo singolare esodo fu l' illustre Ornitologo di Varsavia Taczanowski ; egli aveva ricevuto un primo Sirratte ucciso a Plock in Polonia il 21 aprile ; dalle notizie raccolte dal dott. A. B. Meyer risulta però che già nella seconda quin- dicina di febbraio fu veduto un Sirratte isolato a Trebnitz * nel Bradenburgo. L' Italia fu attraversata obliquamente nelle sue Provincie N. E. e centrali soltanto, dal lembo inferiore estremo della massa migrante; ma anche per noi è stato un avvenimento ornitologico di non piccola importanza. Per ciò che ci riguarda il mio carissimo amico e col- lega conte Tommaso Salvadori ha pubblicato già due in- teressanti note,' nelle quali egli ha raccolto con pochissime omissioni tutte le notizie sulla irruzione del Sirratte in 1 A. B. Meyer u. F. Helm, III. Jahreshericht (1887) der ornitliolo- f/ischen heobac]itun;/statlonen ini Konlf/reich Saclisen. Nehst ilber das vorkom- men des Steppenliuhns in Europa imjalire 1888. p. 119. Dresden, 1888. - T. Salvador:. Il Sirratte in Italia nella prijnavera 188S (Boll, dei Musei di Zool. ed Anat. Comp. della E. Università di Torino, III, N. 47), — Id. Nuove noti^de intorno al Sirratte in Italia nel 1888 (Ibid. Ili, N. 52) Torino, 1888