Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/500


ec- — 484 — chio) — Mijardo (Calabr.) — Cappurrussu o Capurrussu, il mas., Moja, la femm. {Terraii. Sicil.). Piemonte: Scarso al piano in prov. di Cuneo, ove si mostra di passaggio solo nel mese di novembre {Aire). Non frequente nella prov. di Alessandria e di solo passo dal principio dell'autunno a tutto l'inverno (Camusso). Lombardia: Frequente nella prov. di Milano (Bramhilla); di passo nella seconda quindicina di marzo (3fagretti). In- vernale, ma specialmente di passaggio in ottobre e novem- bre e febbraio e marzo nella prov. di Cremona {Ferra(jni). Invernale e comune in quella di Mantova {Paglia). General- mente raro {Turati)] frequente in Lombardia {Borromeo). Veneto : Di scarso passaggio al piano in maggio e set- tembre nel Bellunese {Soravia). Comune ed invernale nel Friuli, parte nel marzo {Vallon). Comunissimo nella prov. di Padova; lio veduto un individuo assai interessante, ri- sultante dall' ibridismo tra questa specie e la F. Fuligula, è un maschio e fu ucciso nella Valle dei Millecampi nel no- vembre 1867 {Arrigonì). Comune nella prov. di Rovigo {Dal Fiume). Emilia: Abbastanza frequente di passaggio nella prov. di Parma {Del Prato). Liguria: Invernale nel Nizzardo {Gal). Alquanto scarso nel distretto di Savona, ove l'ho visto in novembre, feb- braio, marzo ed aprile {Piccone). Invernale e comune in quello di Arenzano {Luciani). Scarso nel distretto di Spezia {Carazzi), Toscana: Comune nell'inverno nella prov. di Lucca {Martorelli); nel distretto di Massarosa se ne vedono alcuni tutto l'anno {Gragnaìii). Frequente in novembre e febbraio- marzo nella prov. di Firenze {Lenzi, Turchetti, Fontehuoni). Invernale e comune in Val di Chiana; parte in aprile (G^ri/- foli). Cosi nelle prov. di Siena e di Grosseto {Dei^ AdemoUo). Invernale e comune in Toscana {Poster). Campania: Frequente nella prov. di Napoli {Franceschi- ni, Monticelli). — 485 —