Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/469


sforzava a guardare per terra onde vederne, quando tutto ad un tratto questi due monti, li chiamerò cosi, di uccelli, con sua enorme sorpresa, si innalzarono prendendo rapida- mente il volo. Ne furono uccisi abbastanza dalla scarica che loro fu indirizzata, ma non quanti ne sarebbero potuti re- stare, se, conoscendo il loro modo di dormire, tal scarica loro avesse potuto farsi a fermo e mentre stavano fìtti in quella maniera (Pauer). Di passo regolare in aprile e mag- gio nelle prov. di Siena e Grosseto, si trattiene circa un mese (Dei, Ademollo). Comune in Toscana durante il passo primaverile, io non ne vidi mai in quello autunnale [Roster)- Marche: Scarso {Paolucci). Campania : Di rara comparsa in aprile e maggio nella prov. di Napoli {Franceschini, Monticelli). Puglie : Giunge a branchi nell'autunno; ne ho avuto dei giovani nella seconda metà di agosto; si vede pure in marzo ed aprile, ma forse con minore frequenza {De Romita). Calabrie : Di passaggio abbondante da marzo a giugno nella prov. di Catanzaro [De Fiore). Raro in aprile-maggio in quella di Reggio {Moscliella). Sicilia : Comune di passo in aprile nella prov. di Mes- sina {Euggeri, Pistone). Cosi nel distretto di Dentini, Sira- cusa {Bonfiglio). Passa a grossi stormi nella prima quindi- cina di aprile, ma non si rivede nell'autunno in quello di Terranova, Caltanissetta {Carvana). Accidentale nel distretto delle Madonie, Palermo ; uno venne ucciso a Castelbuono nell'aprile 1847 (Paulucci, Monci). Sardegna : Di passo irregolare in primavera ed in au- tunno; qualcuno rimane a svernare (Bonomi).