Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/468


o). — 452 — Lombardia : Accidentale nel maggio nella prov. di Cre- mona {Ferragni}. Earo in quella di Mantova {Paglia). Non tanto raro in Lombardia {Turati, Borromeo). Veneto : Di passaggio scarso ed irregolare nella prov. di Padova {Arrigonì). Rarissimo in quella di Rovigo, ove mi consta che venne preso una sola volta {Dal Fiume). Emilia : Di scarso passaggio nella prov. di Parma; ve- duto il 23 aprile ed il 5 ottobre {Del Prato). Liguria : Raro in primavera nel Nizzardo {Gal). Acci- dentale nel distretto di Savona, ne ebbi un solo nel mag- gio 1872 {Piccone). Raro in primavera in quello diArenzano {Luciani). Passa in primavera nel distretto di Spezia, ma scarsamente {Carazzi). Toscana : Passa regolarmente in aprile nel distretto di Massarosa {Gragnani) ; ne vidi otto presi insieme a Massa- ciuccoli {Martorelli). Scarso, ma ogni anno si vede in aprile- maggio e settembre nel distretto di Fucecchio {Turclietti)] è molto più raro nell' autunno, ne ebbi uno giovane ucciso a Campi-Bisenzio, Firenze, il 1° ottobre 1881 {Giglioli). Nel Casentino, Arezzo, ne ebbi un solo, preso il 5 ottobre 1888 a Bibbiena {Beni). Piuttosto abbondante nel passo primave- rile in Val di Chiana, raro assai nell'autunno {Griffoli). Di questa specie al lago di Montepulciano, tengo a far notare la seguente singolare abitudine che mi venne comunicata da un mio amico, vecchio cacciatore e degno di tutta fede; ed è che i Mignattaj dormono l' uno sopra 1' altro come in tanti strati, i quali strati man mano che si innalzano, vanno diventando meno estesi, e così quel mucchio prende la forma di una piramide. Ciò fu osservato in un aggallo del Lago, già di sopra rammentato, ove una sera fu visto andare uno straordinario branco di questa specie, tanto che, la mattina appresso, molto prima dello spuntare del giorno, con la cer- tezza di fare un bel tiro, il mio amico montato in barca, col massimo silenzio si portò al punto indicato. Colà giunto a breve distanza, vide due grosse piramidi alte più di un uo- mo : tutt' altro pensando che quelli potessero essere gli uc- celli ricercati, ignorando questa loro bizzarra abitudine, si — 453 —