Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/453


437 — (Beni, Pauer). QualcLe anno comune, ma non sempre, in aprile e maggio in Val di Chiana; mai in autunno {Griffoli). Estiva e nidificante nel padule di Castiglion della Pescaia, Grosseto (Dei, AdemoUo, Cambi). Specie estiva non rara in Toscana; ne ebbi però due individui da Pisa nel dicembre 1881 {Roster). Marche : Scarsa (Paoluccì). Campania : Frequente, di passo, nella prima quindicina di aprile, nella prov. di Napoli {Franceschinì, Monticelli). Passa in piccoli branchi alla fine d'aprile all'isola di Capri {Cerio). Puglie: Si vede, anche in grossi branchi, nella prima- vera e nell'autunno a cominciare dall'agosto (De Eomita). Calabrie : Comune di passo in aprile e maggio nella prov. di Catanzaro (De Fiore). Non frequente di passo in maggio in quella di Reggio (Moschella). Sicilia: Comune di passo in aprile-maggio nella prov. di Messina (Buggeri, Pistone). Cosi nel distretto di Modica, Siracusa (Z)e/^c{/bnte, Garofalo). Passa soltanto in aprile in branchetti in quello di Terranova, Caltanissetta (Carvana). Rara di passo in primavera ed in autunno nel distretto delle Madonie, Palermo; una fu preso a Petralia nel 1857 (Pa- lumbo, Morici). Sardegna : Di passo in primavera ed autunno e anco in- vernale (Bonomi). 3 7*4:. BubulCUS lUCidUS (Rafn.) Sgarza guarda-buoi. Sprucavoi (Terran. Sicil.). Liguria : Di accidentale comparsa invernale nel Niz- zardo (Gal). Puglie: Accidentale; ne ebbi una sola nell'aprile 1884 (De Romita). Sicilia: Scarsa di passo in aprile nel distretto di Ter- ranova, Caltanissetta (Carvana).