Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/364


Abruzzi : Frequente nel distretto di lelsi, Campobasso ; giunge in aprile e parte in giugno ; depone le uova nei nidi della Lodola comune (D'Amico). Campania : Comune ovunque nella prov. di Napoli [Fran- ceschini, Monticelli). Passa in aprile ed in settembre all'isola di Capri {Cerio). Puglie: Non infrequente di maggio, si vede qualche volta in autunno e ne ho avuto in agosto {De Romita). Calabrie : Comune dalla metà di aprile a quella di set- tembre nella prov. di Catanzaro {De Fiore). Così in quella di Reggio {Moschella, Moretti). Sicilia: Di passò in aprile-maggio nella prov. di Mes- sina {Buggeri, Pistone). Così nel distretto di Lentini, Sira- cusa {Bonjìglio). Scarso, giunge alla metà di marzo in quello di Modica {Dellafonte, Garofalo). Di solo passo nel distretto di Terranova, Caltanissetta^ ove giunge in aprile {Carvana). Poco frequente ai monti e colli in primavera ; alcune cop- pie rimangono l'estate; io rinvenni l' uovo in un nido di Pratincola Euhicola nel distretto delle Madonie , Palermo {Paluììiho, Movici). Sardegna : Estivo e comune in primavera, soggiorna di preferenza nel Sassarese {Bonomi). 211. Coccystes glandarius (Linn.) Cuculo africano. ? Pavoni africani {Pian di Sesto fiorentino) — ? Pavone africano {Casentino) — Giriuni {Mess.) — Turturaru tup- putu {Modica). Liguria : Rarissimo nel distretto di Spezia, due ne ebbe il prof. Magni-Griffi ( J.m/. /f«/. p. 211, a Sarzana: entrambi nel maggio {Carazzi). Toscana: Nel distretto di Massarosa, Lucca, ne ebbi uno nell' aprile 1887, ed un secondo ai primi di maggio 1888 ; fui assicurato che contemporaneamente altri tre erano stati — 349 —