Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/345


zano (Luciani). Estivo nel distretto di Spezia, ove si trova in collina di primavera ed al piano nell' agosto {Carazzi). Toscana: Comune dalla metà di aprile alla metà di ot- tobre nella prov. di Lucca {Martorelli, Fonteòiioni, Gragnani). Estivo e più frequente in collina nel distretto di Fauglia, Pisa ; agli ultimi del novembre 1880, in una caccia alle Bec- cacele, ne venne ucciso uno {Ott)] scarso nel distretto di Lari {Pajpasogli). Estivo, frequente ai monti e scarso al piano nella prov. di Firenze (TurcJietti, GargioUi, Ginori, Fontehuoni). Non frequente nel Casentino, Arezzo; giunge in maggio, parte in settembre-ottobre {Beni^ Fiorini, Pauer). Comune, ma di solo passo in aprile-maggio ed agosto-settembre in Val di Chiana {Griffoli). Estivo nel distretto di Sarteano, Siena (Bargagli); cosi in quella di S, Grimignano (Paulucci, Mann). Estivo e comune nelle prov, di Srena e di Grrosseto (Dei, Ademollo, Cambi). Passa in 'aprile e maggio e nidifica pure all' isola di Giglio (Bianchi). Estivo e comune in To- scana ; so di uno catturato in Mugello il 21 novembre 1883 (Poster). Marche : Comune ovunque, estivo (Paolucci). Lazio : Estivo e comune nel distretto di Montefiascone, Viterbo (Mimmi). Campania : Scarso al piano nella prov. di Napoli (Fran- ceschini, Monticelli). Di scarso passaggio in aprile all' isola di Capri (Cerio). Puglie : Estivo e piuttosto comune (De Pomita). Calabrie : Giunge in aprile e parte in ottobre nella prov. di Catanzaro, ove qualcuno rimane l' inverno * (De Fiore). Comune ed estivo in quella di Reggio (Moschella, Moretti). Sicilia : Ordinariamente scarso, ma talvolta abbondante, di passo in aprile-maggio nella prov. di Messina (Piiggeri, Pistone). Scarso nel distretto di Lentini, Siracusa (Bonjiglio). Frequente in quello di Modica, ove giunge in aprile e parte in settembre (Della/onte, Garofalo). Nel distretto di Terra- 1 Osservazione che merita conferma