Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/287


Garf.) ■-- Cincillà (Lucca) — Cincia nera (Valdich.) — Cilic- chia greca {Marche) — Pinnazola, Pirnizzola (Mess.). Piemonte: Scarsa in montagna, erratica nell'inverno nella prov. di Cuneo, ove nidifica due volte, in aprile ed in giugno (Abre). Scarsa nella prov. di Torino (Gasca); non rara (MartoreUi). Specie piuttosto rara nel Basso Piemonte e cke si lascia vedere più spesso d'autunno clie di prima- vera; annida agli alti monti, e parte col giunger del verno (Camusso). Neil' Ossola è meno comune della specie prece- dente e sedentaria; nidifica ai monti e scende al piano nel- l' autunno (Bazetta). Nidifica nelle abetaie della Valsesia settentrionale dall'aprile al luglio, allevando più di una covata {Guariìioni)] abbondante e sedentaria nel distretto di Crodo, Novara {Demori). Lombardia: Comune in montagna nella prov. di Sondrio {Galli). Abbonda sui monti e anche al piano nella epoca del passo nella prov. di Bergamo; non tutti gli anni però giunge da noi e allora non si vedono che i pochi sedentari; ma quando arriva si vede straordinariamente numerosa * {Stefanini). Meno frequente della specie precedente nella prov. di Milano {Bramhilla). Invernale e rara in quella di Cremona {Ferragni). Comunissima ovunque in Lombardia {Turati., Borromeo). Veneto : Nella vallata dell' alto Adige tra il 10 e il 30 settembre 1883, questa Cincia passò in grande abbon- danza; viaggiava in branchetti di 8 a 10, e l'ora del mas- simo passaggio, sempre col bel tempo, era dalle 9 alle 10 a. m. Trovandomi una mattina sull'orlo d'un bosco a circa 800 me- tri nelle Giudicarle, catturai colle panie 55 individui fra cui v'era un C. cceruleus e due L. cristatus; pel solo distretto di Stenico calcolai che per il corso di un mese venissero catturati non meno di 1000 individui al giorno {A. Bonomi). 1 Ai primi di ottobi'e 1887 fui testimone io stesso a Bergamo ed a Lecco di uno di questi straordinari passaggi del P. atcr; si vedevano ovunque gabbiate piene di questi agili e vivaci uccelletti, che si la- sciano catturare con estrema facilità. — 272 —