Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/258


242 due epoche del passo {Gal). Non è comune nel distretto di Savona, ove si vede in aprile ed in settembre ed ottobre (Piccone). Comune in aprile e maggio, scarso nell'autunno nel distretto di Arenzano (Luciani). Estivo, ma più scarso della specie precedente nel distretto di Spezia (Carazzi). Toscana : Estivo e comune nella prov. di Lucca (Mar- torelli, Foììtebuoni, Gragnani). Comunissimo al piano nel di- stretto di Fauglia, Pisa (Ott). Scarso ed estivo nella prov. di Firenze, l'ebbi da Sesto fiorentino nell'agosto 1882 (Gi- glioli). Poco frequente ai laghi in Val di Chiana (Griffoli). Avuto in maggio e settembre nel Senese (Dei); vedesi da agosto ad ottobre in Maremma (Ademollo). Sicilia: Scarso al piano nella prov. di Messina (Bug- geri, Pistone). Frequente al piano, giunge in aprile e parte in ottobre nel distretto di Modica, Siracusa (Della/onte, Ga- rofalo). 145. Lusciniola melanopogon (Temm.) Forapaglie CASTAaNOLO. Castagnolo (Aut. Ital.) — Calcapaglione (Lucca). Veneto: Ebbi dal signor G. Vallon nel 1885, un nido €on 3 uova trovato da lui a Codroipo il 19 giugno 1884 e riferito allora a questa specie ; fui perciò sorpreso di vedere quel nido citato poi dal Vallon nelle sue « Note sull'Avi- fauna del Friuli » (p. 26, estratto), sotto il nome della Pota- moclus (Locustella) fluviatilis, specie che non è ancora stata presa in Italia e che neppure il signor Vallon, come lo di- chiara egli stesso, ha mai veduto; è certamente avvenuto un equivoco, giacché so per esperienza quanto sia accorto os- servatore il signor Vallon (Giglioli). Non frequente nella ]3ro- vincia di Padova; però il 27 gennaio 1888 una cinquantina di questi uccelli, tutti catturati nei canneti delle Valli in- territe dalle torbide del Brenta (Inferno, Inferniolo ecc.) in distretto di Piove di Sacco, furono da me trovati sul mer- cato di Padova (Arrigoni).