Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/175


f Mattaccinu cu l'ali niri, Monachedda {Mess.) — Curidda janca cu li ali niuri {Modica). Piemonte: Scarsa sui monti in prov. di Cuneo; di pas- saggio dalla metà di settembre a quella di ottobre {Ahre). E-ara in quella di Torino (Gasca). Uccello raro quanto il precedente nella prov. di Alessandria; credo annidi al monte, ma non me ne sono accertato (Camusso). Lombardia: B-ara (Turati, Borromeo). Veneto : Accidentale nella prov. di Vicenza {Molari). Scarsa nel Friuli, giunge in aprile; ne ebbi il nido colle uova il 12 maggio 1884 {Vallon). Poco frequente nella prov. di Padova {Ar rigoni). Liguria: Frequente ed estiva nel Nizzardo, è più co- mune durante il passo in primavera (Gal). Scarsa, ma non rara nel distretto di Savona; giunge dalla metà di marzo a tutto aprile, nidifica nelle stessedocalità della specie pre- cedente alla quale si associa; parte in settembre ed ottobre {Piccone). Frequente in aprile ed anche estiva nel distretto di Arenzano {Luciani). Poco frequente in quello di Spezia {Carazzi). Toscana: Rara, avuta una sola volta da Massaciuccoli nella prov. di Lucca {Martorelli); vi ebbi un adulto nel mag- gio 1881 {Gragnani). Assai rara in primavera nella prov. di Firenze {Giglioli). In Val di Chiana qualcuna si vede du- rante i passi della S. Oenanthe e con essa frammista {Grif- foli). Così nel distretto di Sarteano, Siena {Bargagli). Rara in Maremma, avuta da Orbetello il 4 maggio 1866 {Dei). Passa in aprile all' isola di Giglio {Bianda). Scarsa al passo primaverile in Toscana, vedesi allora nei dintorni di Fi- renze {Roster). Campania: Di comparsa accidentale in aprile nella prov. di Napoli {Franceschini, Monticelli). Passa dalla fine di marzo alla metà di settembre nell'isola di Capri {Cerio). 1 È molto probabile che la Monachella a gola nera che giunge nel Veneto sia non questa specie, raa la seguente; il fatto merita di essere precisat