Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/170


Sedentai'ia, ma scarsa nelle prov. di Siena e di Grosseto (Deiy Ademollo, Cambi). Di passo all' isola di Giglio (Bian- chi). Comune e sedentaria in Toscana, passa l'estate ai monti e scende nell'autunno al piano (Roster). Marche : Comune al piano e sedentaria; nidifica in aprile, maggio e giugno (Paolucci). Campania: Frequente ovunque nella prov. di Napoli (Frances chini ^ Monticelli). Puglie: Piuttosto scarsa, invernale e di doppio passo, settembre-ottobre e febbraio-marzo ; sono rari gli individui in abito nuziale, ma nel marzo 1888 ne ebbi tre {De Romita). Calabrie : Sedentaria, ma più abbondante d' inverno nel distretto di Maida, Catanzaro {De Fiore). Così nella prov. di Reggio {Moretti). Sicilia : Scarsa, ma sedentaria e nidificante nella prov. di Messina {Ruggeri, Pistone). Non tanto abbondante, giunge in ottobre e parte in marzo, nel distretto di Terranova, Cal- tanissetta (Carvana). Frequente al piano nell'autunno nel distretto delle Madonie, Palermo (Palumbo, Movici). Sardegna : Di passo in autunno e primavera al piano (Bonomi). TURDID^ {Tordi). 83. Saxicola Oenantlie (Linn.) (ex Gesn.) Culbianco. Cui bianch, Cubiànc, Cugianco de téra, Picamoute {Basso-Piem.) — Culbianc, Ocel dei sas, Steinvoghel, Carca- tepe {Novara) — Cubianco, Cubianc, Pavarin gran {Cadore) — Culbianc {Feltré) — Zoparólo {Padova) — Queu blanc {Nizza) — Martinicca, Marticca {Savona) — Cugianco