Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/156


lla — 140 — prov. di Padova (Arrigoni). Scarso in quella di Rovigo (Dal Fiuvie). Emilia : Non è molto comune nelle prov. di Ravenna e di Bologna, vi passa alla fine di ottobre ed in novembre mescolato colle Pispole, e ripassa in jjrimavera {Bacchi della Lega). Nidifica in alto ed emigra nell' autunno nel distretto di Vergato, Bologna {Lorenzini). Scarso nella prov. di Parma (Del Prato). Liguria: Di doppio passaggio nel Nizzardo (Gal). Ni- difica ai monti nel distretto di Savona, ove è numeroso al piano durante V inverno {Piccone) ; frequente d' inverno in quello di Arenzano (Luciani); così pure in quello di Spezia (C arazzi). Toscana : Non comune, di doppio passo, ma special- mente in ottobre nella prov. di Lucca (Martorelli Gragnani). Scarso nella prima metà di ottobre nel distretto di La- vajano, Pisa (Papasogli). Nella prov. di Firenze è invernale, frequente al piano nel distretto di Fucecchio (Turchetti) ; scarso in quelli di Fiesole e Sesto fiorentino {GargioUi, Fon- teMioni). Non comune nel Casentino, Arezzo (Beni, Pauer); sedentario (Fiorini). Comune di passo in marzo-aprile ed in ottobre in Val di Chiana {Griffoli). Scarso ed invernale nelle prov. di Siena e di Grosseto (Dei, Ademollo). Comune alle due epoche del passo in Toscana; nell'inverno 1884 moltis- simi furono presi in Mugello, ma è caso eccezionale {Poster). Marche: Raro al piano (Paolucci). Nidifica sulla cima del Monte di Carpegna, Urbino (Carpegna). Campania: Scarso al piano nelle prov. di Napoli (Fran- ceschini, Monticelli). Puglie : Piuttosto raro, è stato preso in aprile e nel no- vembre {De Pomita). Sicilia : Raro al piano nella prov. di Messina (Buggeri, Pistone). Sardegna : Raro, ma di doppio passaggio al piano (Bonomi)