Pagina:Ascensioni umane Fogazzaro.djvu/68

46 Ascensioni umane

animale inferiore non contraddirebbe alla fede e il Grassmann confessa che infatti una tale ipotesi avrebbe i caratteri di ciò che i teologi chiamano sententia temeraria, non di una eresia1. Ma le cose corrono diversamente quanto all’altra ipotesi trasformista, secondo la quale anche le facoltà dello spirito umano sarebbero venute svolgendosi e preparandosi nei bruti, avrebbero compiuto una evoluzione come il corpo. Ora la religione cristiana non concede ai bruti un’anima sostanzialmente identica all’umana, un’anima che solo differisca dalla nostra per l’imperfetto sviluppo delle sue facoltà. Circa questo punto le sentenze dei teologi cristiani d’ogni tempo sono chiare e concordi.

Il Le Conte procede peritoso sopra un terreno difficile esprimendo modestamente la sua opinione personale. Egli tiene che l’anima umana abbia origine da qualche cosa di preesistente nella natura inferiore, da qualche cosa ch’egli paragona ad un germe, ad un embrione, il quale solamente nell’uomo arriverebbe a quella essenziale, mirabile trasformazione cui gli embrioni comuni attraversano nella nascita. Il principio vitale delle piante l’anima dei bruti, sarebbero stadii nella vita em-

  1. Grassmann, Op. cit. Menschen und Tierseele.