Pagina:Armanni - Gandino e il suo distretto, 1843.djvu/13


11

ca al 19 Luglio 1803 nella quale ebbe luogo il Decreto organico Luini 28 Giugno dal Ministro di Giustizia approvato di quell’anno. Consideratosi dagli organizzatori l’importanza del luogo fu eretto Gandino in Pretura civile e criminale, e si estese la di lui giurisdizione alle seguenti comuni, alla Valle di Gandino, Valle Seriana inferiore, compreso Selvino, Valle Seriana superiore, alle comuni di Bianzano, Endine con Figadelli, Esmate, Fonteno, Gaverina, Molini di Colognola, Mologno, Monasterolo, Piangajano con Rova, Pianico, Piano, Ranzanico, Solto, Spinone, Zorzino, e Gangarino tutte poste nel circondario della Pretura civile di Bergamo — ed alle comuni di Bondione, e Dieci denari, Fiumenero e Rizzola situali nella giurisdizione della Pretura civile di Vilminore. Portava quel Decreto all’articolo XIV, che il Luogo Tenente della Pretura dovesse trasferirsi una volta per settimana alternativamente in Albino, Nembro, e Alzano maggiore per l’udienza negli affari civili e di conciliazione degli abitanti di quelle comuni e luoghi circonvicini, compreso Selvino, e fu adottata la norma interinale criminale della Lombardia del 1786. Furono eletti a Pretori Benaglia Pietro, e Luogo Tenente Solera Antonio. Si rese tanto benevolo il Benaglia Bergamasco, col di lui contegno e bravura verso gli amministrati, nell’esercizio dell’importante sua carica, che scolpita una lapide, a perpetua memoria, si vede, nel locale della Pretura, ed è la seguente: