Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/227


di'ngannarmi. io gli hò ben sempre l'occhio dietro, ne io son visto à vederli à robare. poi costringo un'altra volta vomitare et confessare ciò ch'hanno robato de'l mio, mettendo giu il carniere di rete.

Cl.
Và via ne la mal'hora di lungo.
Al.
Và tu poltrone.
Cl.
O popolo io pure me ne sto parecchiato, tre volte a'l dì, mi sento haver voglia di servirti et farti bene.
Al.
Et io diece volte al dì, et dodeci, et milla, et gia gran tempo fà.
Po.
Et io aspettando tredece millia volte a'l dì, mi fate fastidio, et gia assai tempo, assai, assai.
Al.
Sai dunque che hai à fare?
Po.
Non, se non me lo dirai.
Al.
Aprine la porta et à me et à costui, et mandane via à ciò che parimente ti faciamo bene.
Po.
Questo bisogna fare. andate.
Al.
Ecco.
Po.
Corrette.
Cl.
Non lascio sotcorrere.
Po.
Ma certamente sarò molto aventurato hoggi per causa de gli amatori mei, per Giove, ò che mi consumarò.
Cl.
Vedi tu? io sono il primo à portarti da sedere, ma non gia la tavola.
Al.
Ma io piu in prima.