Apri il menu principale

Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/8

2 canto


4
     Ma di saperlo far non si dia vanto
pittore antico né pittor moderno:
e ceda pur quest’arte al solo incanto,
del qual trieman gli spirti de lo ’nferno.
La sala ch’io dicea ne l’altro canto,
Merlin col libro, o fosse al lago Averno,
o fosse sacro alle Nursine grotte,
fece far dai demonii in una notte.

5
     Quest’arte, con che i nostri antiqui fenno
mirande prove, a nostra etade è estinta.
Ma ritornando ove aspettar mi denno
quei che la sala hanno a veder dipinta,
dico ch’a uno scudier fu fatto cenno,
ch’accese i torchi; onde la notte, vinta
dal gran splendor, si dileguò d’intorno;
né piú vi si vedria, se fosse giorno.

6
     Quel signor disse lor:— Vo’che sappiate,
che de le guerre che son qui ritratte,
fin al dí d’oggi poche ne son state;
e son prima dipinte, che sian fatte.
Chi l’ha dipinte, ancor l’ha indovinate.
Quando vittoria avran, quando disfatte
in Italia saran le genti nostre,
potrete qui veder come si mostre.

7
     Le guerre ch’i Franceschi da far hanno
di lá da l’Alpe, o bene o mal successe,
dal tempo suo fin al millesim’anno,
Merlin profeta in questa sala messe;
il qual mandato fu dal re britanno
al franco re ch’a Marcomir successe:
e perché lo mandassi, e perché fatto
da Merlin fu il lavor, vi dirò a un tratto.