Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/351


quarantesimoquinto 345


68
     A questa impresa un’altra spada volle:
che ben sapea che contra a Balisarda
saria ogn’osbergo, come pasta, molle;
ch’alcuna tempra quel furor non tarda:
e tutto ’l taglio anco a quest’altra tolle
con un martello, e la fa men gagliarda.
Con quest’arme Ruggiero al primo lampo
ch’apparve all’orizzonte, entrò nel campo.

69
     E per parer Leon, le sopraveste
che dianzi ebbe Leon, s’ha messe indosso;
e l’aquila de l’or con le due teste
porta dipinta ne lo scudo rosso.
E facilmente si potean far queste
finzion; ch’era ugualmente grande e grosso
l’un come l’altro. Appresentossi l’uno;
l’altro non si lasciò veder d’alcuno.

70
     Era la voluntá de la donzella
da quest’altra diversa di gran lunga;
che, se Ruggier su la spada martella
per rintuzzarla, che non tagli o punga,
la sua la donna aguzza, e brama ch’ella
entri nel ferro, e sempre al vivo giunga,
anzi ogni colpo sí ben tagli e fore,
che vada sempre a ritrovargli il core.

71
     Qual su le mosse il barbaro si vede,
che ’l cenno del partir fugoso attende,
né qua né lá poter fermare il piede,
gonfiar le nare, e che l’orecchie tende;
tal l’animosa donna che non crede
che questo sia Ruggier con chi contende,
aspettando la tromba, par che fuoco
ne le vene abbia, e non ritrovi loco.