Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/282

276 canto


100
     Non è si odiato altro animale in terra,
come la serpe; e noi, che n’abbián faccia,
patimo da ciascuno oltraggio e guerra;
che chi ne vede, ne percuote e caccia.
Se non troviamo ove tornar sotterra,
sentiamo quanto pesa altrui le braccia.
Meglio saria poter morir, che rotte
e storpiate restar sotto le botte.

101
     L’obligo ch’io t’ho grande, è ch’una volta
che tu passavi per quest’ombre amene,
per te di mano fui d’un villan tolta,
che gran travagli m’avea dati e pene.
Se tu non eri, io non andava asciolta,
ch’io non portassi rotto e capo e schene,
e che sciancata non restassi e storta,
se ben non vi potea rimaner morta:

102
     perché quei giorni che per terra il petto
traemo avvolte in serpentile scorza,
il ciel ch’in altri tempi è a noi suggetto,
niega ubbidirci, e prive sián di forza.
In altri tempi ad un sol nostro detto
il sol si ferma e la sua luce ammorza;
l’immobil terra gira e muta loco;
s’infiamma il ghiaccio, e si congela il fuoco.

103
     Ora io son qui per renderti mercede
del beneficio che mi festi allora.
Nessuna grazia indarno or mi si chiede
ch’io son del manto viperino fuora.
Tre volte piú che di tuo padre erede
non rimanesti, io ti fo ricco or ora;
né vo’ che mai piú povero diventi,
ma quanto spendi piú, che piú augumenti.