Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/164

158 canto


12
     Marfisa cacciò l’asta per lo petto
al primo che scontrò, due braccia dietro:
poi trasse il brando, e in men che non l’ho detto,
spezzò quattro elmi, che sembrar di vetro.
Bradamante non fe’ minore effetto;
ma l’asta d’or tenne diverso metro:
tutti quei che toccò, per terra mise;
duo tanti fur, né però alcuno uccise.

13
     Questo sí presso l’una all’altra fèro,
che testimonie se ne fur tra loro;
poi si scostaro, et a ferir si diero,
ove le trasse l’ira, il popul Moro.
Chi potrá conto aver d’ogni guerriero
ch’a terra mandi quella lancia d’oro?
o d’ogni testa che tronca o divisa
sia da la orribil spada di Marfisa?

14
     Come al soffiar de’ piú benigni venti,
quando Apennin scuopre l’erbose spalle,
muovonsi a par duo turbidi torrenti
che nel cader fan poi diverso calle;
svellono i sassi e gli arbori eminenti
da l’alte ripe, e portan ne la valle
le biade e i campi; e quasi a gara fanno
a chi far può nel suo camin piú danno:

15
     cosí le due magnanime guerriere,
scorrendo il campo per diversa strada,
gran strage fan ne l’africane schiere,
l’una con l’asta, e l’altra con la spada.
Tiene Agramante a pena alle bandiere
la gente sua, ch’in fuga non ne vada.
Invan domanda, invan volge la fronte;
né può saper che sia di Rodomonte.