Apri il menu principale

Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/137


trentesimosettimo 131


120
     Quivi s’indugiar tanto, che Marfisa
fe’ por la legge sua ne la colonna,
contraria a quella che giá v’era incisa
a morte et ignominia d’ogni donna.
Da questa compagnia restò divisa
quella d’Islanda, per rifar la gonna;
che comparire in corte obbrobrio stima,
se non si veste et orna come prima.

121
     Quivi rimase Ullania; e Marganorre
di lei restò in potere: et essa poi,
perché non s’abbia in qualche modo a sciorre,
e le donzelle un’altra volta annoi,
lo fe’ un giorno saltar giú d’una torre,
che non fe’ il maggior salto a’ giorni suoi.
Non piú di lei, né piú dei suoi si parli,
ma de la compagnia che va verso Arli.

122
     Tutto quel giorno, e l’altro fin appresso
l’ora di terza andaro; e poi che furo
giunti dove in due strade è il camin fesso
(l’una va al campo, e l’altra d’Arli al muro),
tornar gli amanti ad abbracciarsi, e spesso
a tor commiato, e sempre acerbo e duro.
Al fin le donne in campo, e in Arli è gito
Ruggiero; et io il mio canto ho qui finito.