Apri il menu principale

Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/75


decimottavo 69


136
     L’isola sacra all’amorosa dea
diede lor sotto un’aria il primo porto,
che non ch’a offender gii uomini sia rea,
ma stempra il ferro, e quivi è ’l viver corto.
Cagion n’è un stagno: e certo non dovea
Natura a Famagosta far quel torto
d’appressarvi Costanza acre e maligna,
quando al resto di Cipro è sí benigna.

137
     Il grave odor che la palude esala
non lascia al legno far troppo soggiorno.
Quindi a un greco-levante spiegò ogni ala,
volando da man destra a Cipro intorno,
e surse a Pafo, e pose in terra scala;
e i naviganti uscir nel lito adorno,
chi per merce levar, chi per vedere
la terra d’amor piena e di piacere.

138
     Dal mar sei miglia o sette, a poco a poco
si va salendo inverso il colle ameno.
Mirti e cedri e naranci e lauri il loco,
e mille altri soavi arbori han pieno.
Serpillo e persa e rose e gigli e croco
spargon da l’odorifero terreno
tanta sua vita, ch’in mar sentire
la fa ogni vento che da terra spire.

139
     Da limpida fontana tutta quella
piaggia rigando va un ruscel fecondo.
Ben si può dir che sia di Vener bella
il luogo dilettevole e giocondo;
che v’è ogni donna affatto, ogni donzella
piacevol piú ch’altrove sia nel mondo:
e fa la dea che tutte ardon d’amore,
giovani e vecchie, infino all’ultime ore.