Apri il menu principale

Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/63


decimottavo 57

D
88
     Il popul tutto al vil Martano infesto,
l’uno all’altro additandolo, lo scuopre.
— Non è (dicean), non è il ribaldo questo,
che si fa laude con l’altrui buone opre?
e la virtú di chi non è ben desto,
con la sua infamia e col suo obbrobrio copre?
Non è l’ingrata femina costei,
la qual tradisce i buoni e aiuta i rei? —

89
     Altri dicean: — Come stan bene insieme
segnati ambi d’un marchio e d’una razza! —
Chi li bestemmia, chi lor dietro freme,
chi grida: — Impicca, abrucia, squarta, amazza! —
La turba per veder s’urta, si preme,
e corre inanzi alle strade, alla piazza.
Venne la nuova al re, che mostrò segno
d’averla cara piú ch’un altro regno.

90
     Senza molti scudier dietro o davante,
come si ritrovò, si mosse in fretta,
e venne ad incontrarsi in Aquilante,
ch’avea del suo Grifon fatto vendetta:
e quello onora con gentil sembiante,
seco lo ’nvita, e seco lo ricetta;
di suo consenso avendo fatto porre
i duo prigioni in fondo d’una torre.

91
     Andaro insieme ove del letto mosso
Grifon non s’era, poi che fu ferito,
che vedendo il fratel, divenne rosso;
che ben stimò ch’avea il suo caso udito.
E poi che motteggiando un poco adosso
gli andò Aquilante, messero a partito
di dare a quelli duo iusto martoro,
venuti in man degli avversari loro.