Pagina:Archivio della R. Società Romana di Storia Patria - Vol. XVI.djvu/306


ipsa casa vel res exire presum- 31. seremus, nos suprascripti ger- mani [conponamu] («) bobis domno audualdo abbas 32. vel ad posteris vestri solidos quinquagenta. Et si fili- 53. is vestrì ad ipsa ordinatione resedere boluerint, 34. resedea; et. si de ipsa casa exire boluerint, tolla 35. medietate de res mobilia, et bada ubi boluerint. Duobus li- 36. belli inter nos facti sunt. Actum ante ecclesia sancti 37. petri ad margarita, regnu et inditione supra- scripta, feliciter. 38. f Ego audualdus abbas in hunc libellu a me factu manu mea subscripsi. 39. Signum f manus rattilmi qui une libellu scribere rogabit. 40. Signum f manus marino qui et ipse scribere rogabi. 41. f Ego madalpertus rogatus me teste sub- scripsi. 42. Signum f manus gisiprando de cusnanu rogatus testi. 43. † Ego ermiteu me teste subscripsi. 44. f Ego petru clericu rogatus me teste subscripsi. 45. f Scripsi ego filiolu notarius ro- gatus ad suprascripti in eorum pre- 46. sentia, et quam pos tra- dita conplebi et reddedit, feliciter.


XIX.

Anno 821, mese di agosto, in Margarita.


Lampeno, soprannominato Butta, di vico Bairano in territorio di Toscanella, vende al monastero di san Sal- vatore tutti i suoi beni pel prezzo di venti soldi.

I. f In nomine domini nostris Ihesum Christi. Inperante domno nostro piissimo perpetuo agusto lodovvicos, a deo coro- 2. [na]tos (i) magnos imperatore, imperii eius deo propitio anno octavo et pos consolato eius 3. [anno] octavo. Sede loutharius im- perator anno quinto (2) eius filiu, adque domno nos- 4. [tro pascali] (I) summo puntifice et universali pape, in sagratissima beati petri prin-


(a) Scritto sopra la linea.

(i) Le parole e le parti di parole fra parentesi quadre mancano per corrosione della pergamena, e sono state supplite con una copia del documento, di epoca posteriore, pur conservata neirarchivio se- nese. In questa copia sono corretti alcuni degli errori di grammatica e di scrittura che si trovano neiroriginale.

(2) Da ciò si vede che in questi documenti si contano gli anni di Lotario fin dalla sua associazione all'impero, cioè dal luglio 817.