Pagina:Archivio Glottologico Italiano, vol. 1, 1873.djvu/354


% 2dO Ascoli, Saggi ladini, I. vòss scrupol, di feit vóss dei fatti vostri. Inoltre: ogg (ott) otto, nòe notte; Ve cott y i en cóc un òc, i 6lj còlas vòglia, come la si voglia 4. 59. 60. Lo schietto u: un, fura, scur, sigùr, la sigùr, gùra, lus; plazù, bù buu bevuto, bù avuto, gnù venuto, pi. temùj. Ha le apparenze di un’eccezione: poira, paura; ma sarà póira, che ci riconduce al n. 235 di Toschiavo’. / óbri, ubera, ci porta alla sua volta all’analogia del n. 66 grig.; cfr. altògn n. 93. 61. ggla, erp*, nQs;gQufK 68. gust. — 64. mólger, pògn. 93. st’altògn, che deve dire Quest’autunno’; cfr. ulcélj n. 31 3. 97. LJ si regge, alla ladina: vòglia, melj, ecc., erbeglie Ch. (cfr. pag. 254). 199. abbia, aja Picei e Mt. 111. Vedi il num. 137. 114 ecc. Costante la conservazione del nesso: più, implì n. 35,plang; clappè pigliate (chiappate), gléir n. 9; ecc. Mt.: cioflà soffiare (cfr. la nota a pag. 287), plèdria pevera (cfr. St. crit. II 96), móscio muschio, ecc. — 118-9. vègl (sg.) 128. Dèlia caratteristica tenacità del R che riesce finale, già avemmo saggi ai num. 1-3, 9 è 33; ora aggiungiamo il tipo viver, perder, esser. [Pure a Grosio, v. pag. 294, resiste il -r dell’infinito: viver, mangiàr; ma non costantemente; cfr. Ili, 3.] 129*. È frequente il dileguo di v interno: proedù, soent, lorr cosa (lavoro), cfr. num. 19-21, 40, e III, 3. Ma pure il v iniziale in date congiunture si regge, in altre no: còlas vòglia n. 56, chel me schnegher òglia valer che il mio negare voglia valere; ch’y v6j che ci (le) voglio, n’òj perder temp; l’è essa pò veira gli è ora poi vero, ladischd’èirala dice davvero. Così ci accostiamo, per questo capo, alle condizioni del bergamasco, più ancora di quanto potè vedere il Biondelli, o. c. 11 5. 184. 186. schvoidè vuotato, schnegher, v. il num. preced.; es tu sei, ecc.; bonisciom buonissimo; imposcibel.

  • son sonno (pure a Bormio; Lazzeri)? circa la qual forma rimanderemo

a ( Poschiavo

  • Circa questo esempio di -m/*, si considerino i seguenti casi di *-» organico,

offertici dal Vocabol. furv.: avf avo, arcavfa li cofv (sic) i covoni, la chiavfa la nefv (sic), e con *-d da *-p [-b]: avf ape, al canofv (sic). 3 l’ulcell, cfr. Toschiavo’. 4 i òlj li orelja, al gonelj. 1 li gingia, lapida; [di *t? da *p: naod nipote].