Pagina:Arabella.djvu/68


— 62 —

uomo è questo vostro principale? Io non l’ho visto che alla sfuggita e mi ha la figura di una faina. È vero che ha fatto i denari in ogni maniera? che a Milano possiede certe case dove, per esempio, non vorrei che Ferruccio andasse a dire il rosario? e che storia è questa del testamento rubato, che so io? di un’eredità di quattrocento mila lire, che il bravo uomo, si dice, avrebbe fatto scappare? Voi che cosa ne sapete? perchè io ho sentito oggi parole di fuoco e quando la gente comincia a tirar sassi contro un cane rabbioso, c’è pericolo che i sassi rompano qualche cosa e colpiscano la testa della gente che passa. Ferruccio è un povero chierico che ha ancora la sua prima innocenza e non vorrei che si trovasse, senza accorgersi, implicato in un affaraccio. Il gatto bianco che va a dormire nel carbone bisogna che si svegli nero la mattina. Siam povera gente a cui piace morire in pace; e il male, parlando con poco rispetto, è come la rogna: chi l’ha l’attacca.

Il Berretta lasciò cadere il lavoro sui ginocchi e, guardando la cognata attraverso i vetri grossi degli occhiali, prese a dire con un tono mezzo canzonatorio:

— Vedete che io faccio il sarto.

— Il fare il sarto non v’impedisce di vedere chi va e chi viene dalla vostra porta, e non deve nemmeno impedirvi d’occuparvi del bene del vostro figliuolo.

— Egli aveva trovato un benefattore che lo faceva studiare.

— Lasciamo stare questa storia, che non c’entra adesso. Se il figliuolo non si è sentito di fare il prete, ha mostrato della forza d’animo e della coscienza a