Pagina:Arabella.djvu/424


— 418 —

che io avrò cavalli e carrozze e una proprietà di non so quante pertiche milanesi: e pare che potrò godermi questa abbondanza senza rimorso al mondo, perchè lo stesso monsignor arcivescovo ha approvato e benedetto i nuovi accordi. Le figlie di Maria furono così soddisfatte del modo in cui è stata risolta o sarà risolta la intrigata questione dell’eredità Ratta, che, attribuendomi un merito che non ho, mi hanno regalata una copia della Madonna in trono, del Morelli.

Vuoi sentirne un’altra? Mio zio Borrola, che era solito mangiare un chierico a colazione e un prete a pranzo, mi scrive tutto commosso del modo con cui fu ricevuto da monsignore e vuole ad ogni costo avere il piacere e l’onore di presentarmi al venerando prelato.

O Maria, io non so perchè pianga, mentre ti scrivo queste cose così liete e così belle. Ci sono forse delle fortune che come le fiamme c’inseguono perchè fuggiamo?»


Three asterisks.svg


Se durante il giorno, tra il molto scrivere e il dare udienza e il rispondere e il comandare, Arabella poteva illudersi d’aver ricuperata la pace, o almeno la forza d’accettarla, non era così verso sera, quando pare che la malinconia esca dalla terra oscura; non era così di notte, quando si trovava sola sola co’ suoi pensieri e col suo cuore.

Il cuore di notte si sente di più, come senti battere più forte l’orologio che hai deposto vicino al capezzale. Ora le capitava di non poter dormire mai,