Pagina:Arabella.djvu/395


— 389 —

bella non sapeva ricomporre e interpretare. Una volta uscì il nome di Ferruccio.

— Me lo raccomanda? non lo abbandoneremo...

L’occhio dell’infermo rispose con un lungo raggio di benevolenza. Poi a un tratto la fronte si oscurò come sotto a un nuvolo di tristezza. Con un ultimo sforzo nominò la Marietta... ma Arabella non afferrò il senso di quelle ultime voci fioche e singhiozzanti. Era l’agonia.

Il signor Tognino Maccagno morì tranquillamente nelle prime ore d’una bella mattina d’aprile.