Pagina:Arabella.djvu/346


— 340 —

Essa non vede che il male in questo momento, e non ricorda tutto il bene che ha ricevuto nella sua vita e quel tesoro di beni che la facevano a scuola un modello di virtù, di buon esempio, di talento, di grazia, il tesorino delle maestre, la delizia delle sue compagne. Essa non ricorda il bene che ha ricevuto dal suo benefattore e il bene che gli ha fatto, salvandolo dalla rovina e dalla disperazione. Essa non fa nessun conto del bene che le vogliamo noi, io e te, Napo, per esempio, e parla di voler morire, così, come se non le importasse nulla di chi le vuol bene...

Arabella cadde in ginocchio e si appoggiò all’amica per chiederle perdono: ma non potè pronunciare una parola. I suoi occhi non davan lagrime e portavano dentro una forte risoluzione. Essa chiedeva perdono all’amica, ma lasciava capire che avrebbe combattuto per la difesa della sua dignità.


Three asterisks.svg


L’uscio in quel momento si aprì e dietro alla ragazza di servizio comparve la Colomba. Questa alla sua volta, volgendosi, fece l’atto di presentare qualcuno, che le teneva dietro, dicendo:

— Guardi chi ho condotto con me.

E subito dopo, Arabella vide entrare la sua mamma.

Il signor Tognino aveva mandato a pigliarla fin dalle prime ore della mattina. In casa Maccagno essa s’era incontrata colla Colomba, che veniva a implorare misericordia per il Berretta, per Ferruccio, per sè, per i vivi e per i morti. Questa potè dire ove si trovava Arabella, e si offrì di accompagnarla.

Arabella le andò incontro con un sorriso addolo-