Pagina:Arabella.djvu/283


— 277 —

coprì e li nascose di nuovo l’uno all’altro e la presenza del regio esercito impedì che si guastasse strada facendo, una conversazione che pareva così bene avviata. Ma i due vecchi bisbetici, dopo essersi fiutati come due cani in collera, continuarono a ringhiare e a guardarsi nell’oscurità.

Tutte le volte che l’ufficiale accendeva il sigaro (e un fumatore italiano può immaginarsi quante) quei quattro occhi, attratti da una forza che aveva nulla a che fare coll’ « affinità affettiva » di cui parla il Goethe, s’incontravano nella linea diagonale sul fuoco del fumatore, che mandando globi di fumo in alto ritornava forse lieto da un lieto incontro. L’odio e l’amore son fatti per non conoscersi, ma spesso viaggiano insieme.

Quei due sguardi si guardavano fissi incrociandosi come due fioretti, i lineamenti delle faccie s’indurivano, le mani diventavano pugni, poi tutto ritornava nero come i loro pensieri. Nel buio continuavano i due cuori ad azzuffarsi.

Il prete odiava nell’affarista il traditore, il ladro empio e bugiardo, il sacrilego miscredente, che coll’aiuto del diavolo aveva rubato alla chiesa e ai poveri un’eredità di quattrocentomila lire.

L’affarista esecrava nel prete l’intrigante, il gesuita, l’impostore, la causa prima degli scandali, l’eccitatore interessato d’una masnada di straccioni.

Se le idee che passano negli animi degli uomini avessero la virtù d’accendersi secondo la forza elettrica che contengono, i due vecchi bisbetici avrebbero mandato fuori lampi più sinistri di quelli che andavano guizzando e irritandosi laggiù sopra Milano, dove il treno li portava a precipizio, rumoreg-