Pagina:Arabella.djvu/142


— 136 —

— Schifoso!

— C’è abbastanza per cacciarti in galera. Aspetta.

Si mosse ancora dal suo posto e buttata nella viuzza un’altra rapida occhiata, notò molta gente sulle botteghe, riconobbe l’albergatore, il tabaccaio, il lattivendolo, qualche altro, dei quali volle scrivere i nomi nel verbale, per chiamarli tutti come testimoni d’accusa nel terribile processo d’ingiuria, oltraggio e diffamazione ch’egli avrebbe domani intentato all’ortolana, e a’ suoi compari. Oh se li avrebbe fatti ballare!

— Ferruccio! — chiamò a mezza voce, aprendo un poco l’uscio verso la scala.

Il giovinetto, colle convulsioni nelle gambe, era disceso in corte e andava cercando cogli occhi qualche sorvegliante o una guardia di questura che facesse smettere la spiritata. Non pareva più Milano. La strada in poco tempo fu piena di curiosi e di sfaccendati e anche di gente che aveva qualche cosa di meglio a fare, ma che il caso nuovo e stuzzicante teneva lì, fermi a guardare e a pestar la premura coi piedi.

Chi rideva, chi canzonava, chi eccitava la donna, credendola ubriaca a dirne sempre delle più grosse. Intorno a lei si parlava (come si può parlare tra gente male informata) della vecchia Ratta, che aveva lasciato un milione: del canonico Pianelli che aveva, d’accordo col Maccagno, rubato il testamento e s’eran diviso mezzo milione ciascuno: dell’avvocato Baruffa, il quale aveva le prove in mano che la vecchia era stata avvelenata: e altre siffatte fanfaluche, che parevan vere a chi le diceva, in proporzione del gusto che ci pigliava a dirle.