Pagina:Arabella.djvu/124


— 118 —

i capelli, di perle, di diamanti, di braccialetti d’oro con grosse pietre di rubino e di smeraldo, una vera apparizione miracolosa della Madonna santissima, che sulle prime incantò tutti gli occhi, poi trasse un grido di meraviglia e di giubilo; tutti gridarono:

— Viva la sposa!

Mamma Beatrice, a cui il marito aveva sussurrata una parolina in disparte, tocca nella parte più sensibile del suo orgoglio materno, corse verso la figliuola, se la prese nelle braccia, la baciò a lungo sui capelli, la condusse nel mezzo della cucina, dove uomini e donne e ragazzi, colla scodella in mano, si raccolsero ad ammirare quel non mai visto splendore di gemme. Accorsero altre ragazze dal cortile, il portico si affollò e Arabella dovette farsi vedere anche a quelli di fuori.

O santa, se l’è mai bella!

L’è un splendor che scùriss la vista.

Non se ne vede...

L’è la Madonna della Salètta, Delaida.

Con vùn de quist ― disse il Pirello, indicando colla punta del cucchiaio un grosso brillante dello spillone, — se pò mung la vacca anca al scùr...

Tutti vollero dire qualche cosa. Le bambine scalze e spettinate a cui Arabella soleva far la dottrina in chiesa, eccitate anch’esse da quell’apparizione, le baciavano il vestito e le mani.

Papà Paolino scivolò via e si nascose nello stanzino della pesa al buio. Aveva bisogno di piangere forte e che nessuno lo sentisse.