Pagina:Anonimo - Simpatie di Majano.djvu/9


SIMPATIE DI MAJANO.


I.

Forse Lei ricorda ancora quel tal giorno io certo non l’ho dimenticato quel giorno stavo per pronunciare due parole che Lei indovinò ma non volle udire, poichè accostando il dito indice alle labbra mi comandò, con accento dolce e fermo: «Quelle parole non me le dica....»

Il suo dito indice, Contessa, è indimenticabile: ne ho veduto uno eguale a Giovanna d’Aragona dipinta da Raffaello.

E il suo gesto, ora che ci ripenso e lo rivedo colla memoria, fu egualmente attico: si sarebbe detto che Lei lo avesse studiato da qualcuno degli Arpocrati di