Pagina:Anonimo - Egloga pastorale di Flavia, Pentio, Venezia 1528.djvu/17


E per che l’ora e breve i ho sospeso
el parlar a più tempo, ma al presente
mi par che noi dovian col core acceso
Rendere grazia a li Dei, come e dovere
poi che per lor favor oggi recupera
a te la vita, io l’amico, a t’el servente
Che in grantudin, ciascun vizio supera.


CANZONA. Quelli dei che i q/io mido e fofpiri angofeie W piati de li amati hàno gouerno le querele yfoffrir tetta ringraaatt in [empiamo et ni uoglià ch’alci pera fic da nei col cor iocondo chi in lorfifida erfpera Ne fui ca.fi acerbi CT rei no [i troui mai nel fondo no dbe nutialcmPaflore Con ghirlande de be fori diffidùrfi de li Dei folaga do i fofia en gioco nej fregar el /or fattore hordourien rutti Paflori bcche paia igrato amore ritrouarfi in quefto loco fati ’è loro in un momèto gr co ognimcc[o,et foco porre mi alto & far cótèto a li Dei far làcrifiao qlche giù giaceua alfódo che per loro benef.no Vedan fempre fu dal cielo uiue il no/ho cor iocon do le nùferie deh amanti Quelli Dei crc. fortranbenecaldielgielo Finis. in Vinegia per Girolamo Pernio di Leu i, Ad Mifianna di Cbrifloforo da Miliario dit/ to Stampone e fitoicompagni.He l’annoM.D-XXVlII.Adi-iiiidiFeb-