Apri il menu principale

Pagina:Annali d'Italia, Vol. 1.djvu/88

115 ANNALI D'ITALIA, ANNO XXXVII. 116

mento avea ordinato; ma che l’ingrato suo figliuolo Tiberio non avea mai voluto pagare. Diede subito la mostra alle compagnie de’ soldati del pretorio, con isborsar a tutti il danaro lasciato lor da Tiberio, ed aggiugnerne altrettanto per ispontanea munificenza. Pagò parimente al popolo romano l’insigne donativo di danaro ordinato da Tiberio colla giunta di sessanta denari per testa, ch’egli non avea potuto pagare, allorchè prese la toga virile, e inoltre quindici altri a titolo di usura pel ritardo. Finalmente a tutti gli altri soldati di Roma, e alle guardie notturne, cioè ai vigili, e alle legioni fuori d’Italia, e ad altri soldati mantenuti nelle città minori, sborsò cinquecento sesterzii ai primi, e trecento agli altri per testa.

Mellifluo fu in un certo giorno il suo ragionamento ai senatori con dir loro, dopo aver toccati tutti i vizii del defunto Tiberio, di volerli a parte nel comando e governo, e che farebbe tutto quanto paresse loro il meglio, chiamandosi lor figliuolo ed allievo. Richiamò gli esiliati, liberò tutti i prigioni, e fra gli altri Quinto Pomponio, tenuto in quelle miserie per sette anni, dopo il suo consolato. Annullò ogni processo criminale, con bruciar anche i libelli lasciati da Tiberio. Queste prime azioni gli guadagnarono un gran plauso, massimamente perchè fu creduto ch’egli fosse per mantener la parola, che in quell’età il suo cuore andasse d’accordo con la lingua. Volle tosto il senato far dimetter il consolato a Procolo e Negrino per conferirlo a lui; ma egli ordinò che continuassero in quella dignità, secondochè era dianzi stabilito, sino alle calende di luglio, nel qual tempo poscia fu egli dichiarato console, ed amò di aver per collega Tiberio Claudio suo zio, che fin qui era stato tenuto in basso stato e nell’ordine de’ soli cavalieri, a cagion della debolezza del suo capo. Nelle medaglie1 Cajo si trova intitolato CAJVS CAESAR AVGVSTVS [p. 116]GERMANICVS: ed in altre vi si aggiunge DIVI AVGVSTI PRONEPOS. Fece ancora risplendere l’amor suo verso de’ suoi, con dare il titolo d’Augusta e di sacerdotessa d’Augusto ad Antonia avola sua e madre di Germanico, e col concedere alle sue sorelle i privilegi delle Vestali, e posto presso di sè negli spettacoli. A Tiberio Gemello, nipote di Tiberio, diede il titolo di Principe della Gioventù, e di più l’adottò per suo figliuolo. Andò in persona alle isole Pandataria e Ponza a cercar le ceneri d’Agrippina sua madre, e di Nerone suo fratello; e con funebre magnificenza portatele a Roma, le collocò nel mausoleo d’Augusto, con determinare in onore e memoria d’essi esequie e spettacoli annuali. Stava tuttavia fra le catene2 Agrippa, nipote di Erode il grande re della Giudea, quando restò liberata Roma dal ferreo giogo di Tiberio. Cajo, essendosene tosto ricordato, siccome amico suo caro, mandò ordine al prefetto di Roma di trasferirlo dalla carcere alla casa dove abitava prima; e da lì a pochi giorni fattoselo condurre davanti con abito mutato, gli mise in capo un diadema, dichiarandolo re, e sottomettendo a lui la Tetrarchia, già posseduta da Filippo suo zio, morto poco fa, con aggiugnervi l’altra di Lisania, restando la Giudea come prima sotto l’immediato governo dei Romani. Restituì ancora ad Antioco il regno della Comagene colla giunta della Cilicia marittima. Di gloria medesimamente fu a Cajo l’aver cacciato fuori di Roma que’ giovinetti che faceano l’infame mercato de’ lor corpi; e poco vi mancò che non li mandasse a seppellir nel Tevere. Ordinò che si cercassero e pubblicamente si potessero leggere le storie soppresse di Tito Labieno, Cordo Cremuzio e Cassio Severo. Ai magistrati lasciò libera la giurisdizione, senza che si potesse appellare a lui. Dalle provincie d’Italia levò il dazio del centesimo denaro che si pagava per tutte le cose vendute all’incanto. Sotto

  1. Mediobarbus in Numismat. Imperator.
  2. Joseph., Antiq. Jud. lib. 18. Dio., lib 59.