Apri il menu principale
105 ANNALI D'ITALIA, ANNO XXXVI. 106

benchè inferiori di gente, vollero battaglia; ma o sia che Orode vi fosse ucciso, o che la nuova ch’egli fosse ferito passasse in credenza di morte, la vittoria si dichiarò per Farasmane, al cui fratello Mitridate re dell’Iberia fu conceduta l’Armenia. Diedesi dipoi una seconda battaglia da Artabano, ma svantaggiosa anch’essa per lui; e perchè nello stesso tempo seppe che Lucio Vitellio coll’armi romane si accingeva a passar l’Eufrate per entrar nella Mesopotamia, abbandonato ogni pensier dell’Armenia, si ritirò alla difesa del proprio paese. Era allora l’Eufrate il confine tra l’imperio romano e il partico o sia persiano.


Anno di Cristo XXXVI. Indizione IX.
Pietro Apostolo papa 8
Tiberio imperadore 23.


Consoli


Sesto Papinio Allenio e Quinto Plautio


Non è ben chiaro, se Lucio Vitellio, fabbricato un ponte sull’Eufrate, coll’esercito romano passasse in questo o nel precedente anno in Mesopotamia. Certo è bensì che passò, e all’arrivo suo i primati de’ Parti si scoprirono allora alienati dall’ossequio verso del re Artabano1, e congiunsero le loro armi coi Romani. Trovavasi con Vitellio anche Tiridate, parente del defunto re Fraate. Veduta così bella disposizion dei Parti in suo favore, per consiglio di Vitellio, prese il cammino alla volta di Seleucia, città potente, che gli aprì con gran festa le porte, ed Artabano, veggendosi abbandonato de’ suoi, se ne fuggì. Intanto Vitellio, contento di aver fatta la sua sparata con far conoscere a que’ popoli la possanza romana, e credendo già assicurato il regno a Tiridate, se ne tornò colle sue legioni in Soria. Fu coronato Tiridate in Ctesifonte, capitale del regno dei Parti. S’egli avesse proseguito il corso di sua fortuna con visitar tutto il paese, e ridurre chiunque titubava alla [p. 106]sua fede, interamente il regno sarebbe stato di lui. Ma essendosi egli impegnato nell’assedio di un castello, dove Artabano avea ridotto il tesoro e le concubine sue, alcuni di que’ grandi, che non erano intervenuti alla coronazione o per paura di Tiridate, o per invidia che portavano ad Abdagese, ministro favorito di lui, andarono a trovar Artabano per rimetterlo sul trono. S’era questi ritirato nell’Ircania, dove da povero uomo vivea, guadagnandosi il vitto con la caccia. Credette egli a tutta prima che fossero venuti costoro per assassinarlo. Rassicurato da essi, e presa seco una mano di Sciti, si mise con loro in cammino, e trovata la gente che senza difficoltà tornava alla sua divozione, ingrossato di forze, s’indirizzò verso Seleucia. Stette in forse Tiridate, se dovea andargli incontro per dargli battaglia. Prevalse l’opinion dei dappoco, il primo de’ quali era il medesimo Tiridate; e però egli si ridusse in Soria, con isperanza che l’esercito romano avesse da prestargli aiuto per ricuperare il perduto regno, di cui con tutta facilità Artabano ripigliò il possesso. Vitellio non volle altro impegno, ed all’incontro Artabano diventò più che mai orgoglioso, e poco mancò che non portasse la guerra nel territorio romano. Non è inverisimile, che questo fosse il tempo in cui egli scrisse una lettera di fuoco a Tiberio2, rinfacciandogli la sua crudeltà, la vergognosa libidine e la poltroneria, ed esortandolo ad appagar prontamente l’odio universale e giustissimo de’ popoli con darsi la morte da sè medesimo.

Due disavventure afflissero Roma nell’anno presente, cioè una fiera inondazione del Tevere, per cagione di cui in molte parti della città fu necessario l’andar colle barche, e un incendio che guastò gran copia di case nel monte Aventino e la metà del Circo3. Tiberio in questa occasione, dimenticata

  1. Tacitus, lib. 6, c. 42.
  2. Sueton., in Tiber. cap. 66.
  3. Tacitus, lib. 6, cap. 45. Dio., lib. 58.