Apri il menu principale

Pagina:Annali d'Italia, Vol. 1.djvu/67

73 ANNALI D'ITALIA, ANNO XXV. 74

rio spedì colà per procuratore e governatore Ponzio Pilato, di cui è fatta menzione nel Vangelo.


Anno di Cristo XXV. Indizione XIII.
Tiberio imperadore 12.


Consoli


Marco Asinio Agrippa e Cosso Cornelio Lentolo


Vien creduto che Cosso sia un prenome particolare della casa de’ Cornelii Lentoli. Nuovo esempio dell’infelicità dei Romani, regnando il crudele Tiberio e il prepotente Sejano, si vide nel presente anno1. Cremuzio Cordo, uno de’ migliori ingegni de’ Romani d’allora, avea composta2 una storia delle guerre civili di Cesare e Pompeo, conducendola anche ai tempi d’Augusto. Lo stesso Augusto l’avea letta, e, siccome principe saggio e discreto, non se n’era punto formalizzato. Ma avendo Cremuzio dipoi, forse con qualche parola, disgustato Sejano, si trovarono in quella storia dei delitti gravissimi. Egli avea lodato Bruto e Cassio uccisori di Cesare, e chiamato lo stesso Cassio l’ultimo dei Romani. Male non avea detto di Giulio Cesare, nè di Augusto, ma neppure stato era prodigo di lodi verso di loro. Fu accusato per questo nel senato, e Tiberio con occhio arcigno gli diede assai a conoscere d’essere indispettito contro di lui. Si difese egli coll’esempio di Tito Livio e d’altri scrittori e storici precedenti; ma tornato a casa, ed increscendogli di vivere sotto un sì tirannico governo, si lasciò morir di fame. Sentenziati furono al fuoco i di lui scritti; contuttociò avendone Marcia sua figliuola conservata una copia, vennero dopo la morte di Tiberio alla luce, accolti allora con ansietà maggiore dal pubblico appunto per la persecuzione sofferta dall’autor d’essi, ma a noi poscia rubati dalla voracità de’ tempi. Osserva Tacito la mellonaggine di que’ potenti, che mal operando non vorrebbono[p. 74] che la memoria de’ lor perversi fatti passasse ai posteri; e tutto fanno per abolirla. Ma Iddio permette ch’ella vi passi per castigare anche nel nostro mondo chi s’è abusato della potenza in danno de’ popoli. Ai Ciziceni in quest’anno levato fu il privilegio di regolarsi colle proprie leggi e co’ propri magistrati; e ciò perchè non avevano per anche terminato un tempio eretto ad Augusto ed avevano imprigionati alcuni cittadini romani. Le città di Spagna in questi tempi, inclinate anch’esse all’adulazione, inviarono ambasciatori a Tiberio, pregandolo di permettere che innalzassero dei templi a lui e a Livia Augusta sua madre, siccome egli avea conceduto alle città dell’Asia. Tacito mette le più belle sentenze in bocca di Tiberio3, con riferire il ragionamento di lui fatto nel senato per cui nol volle loro permettere, riconoscendo sè stesso per uno de’ mortali, e bastando a lui di avere un tempio nel cuore de’ senatori per l’amore e la stima che sperava da essi. Salì poi tanto alto l’ambizion di Sejano, che nel presente anno arditamente supplicò per ottenere in moglie Giulia Livilla, vedova del fu Cajo Cesare, figliuolo adottivo di Augusto, e poi del defunto Druso Cesare, e nuora del medesimo Tiberio. Quantunque fosse eccessivo il favore di Tiberio verso di lui, pure non si lasciò indurre l’astuto principe ad accordargli tal grazia: il che sconcertò forte le misure di Sejano, e lo rendè malcontento della propria per altro smoderata fortuna. Tuttavia mise in ordine altre macchine, siccome vedremo nell’anno seguente. Credono alcuni letterati4, che in quest’anno corresse l’anno xv dell’impero di Tiberio, enunziato da san Luca, in cui san Giovanni Batista diede principio alle sue prediche. Prendesi tal anno dal fine d’agosto dell’anno undecimo dell’Era cristiana, in cui Tiberio colla podestà tribunizia fu costituito suo collega nell’imperio d’Augusto.

  1. Tacitus, lib. 4, cap. 34.
  2. Dio., lib. 57.
  3. Tacitus, loc. cit.
  4. Pagius in Critic. Baron., Stampa et alii.