Apri il menu principale
59 ANNALI D'ITALIA, ANNO XIX. 60

figliuolo natural di Tiberio, ancorchè Germanico potesse ostargli alla succession dell’imperio, pure l’amasse sempre con sincero amore e come vero fratello. Gran perdita fece Roma in Germanico, ma specialmente perchè Tiberio sciolto dal timore di lui, cominciò ad imperversare, con giugnere in fine a costumi crudeli e tirannici. Restarono di Germanico tre figliuoli maschi, cioè Nerone, Druso, e Cajo Caligola, e tre figlie, cioè Agrippina, che poi fu madre di Nerone augusto, Drusilla e Livilla. Agrippina lor madre, figliuola di Agrippa, e di Giulia nata da Augusto, donna, che ben diversa dalla madre, s’era già fatta conoscere per ispecchio di castità, ed avea dati segni di un viril coraggio, molto più ora abbisognò della sua costanza, rimasta senza il generoso consorte, con dei figliuoli piccioli, e odiata da Livia e forse poco men da Tiberio. Fu consigliata da molti di non tornarsene a Roma: differente ben era il desiderio suo, perchè ardeva di voglia di cercar vendetta di Pisone e di Plancina, tenuti per autori delle sue disavventure. Però sul fine dell’anno colle ceneri del marito e co’ figliuoli spiegò le vele alla volta di Roma.

In luogo di Pisone era stato costituito progovernatore della Siria Gneo Sentio Saturnino; ma Pisone, udita la morte di Germanico, dopo averne fatta gran festa, si mise in viaggio con molti legni, e buona copia di milizie, risoluto di ricuperare il suo governo, e di adoperare, occorrendo, anche la forza. Si impadronì d’un castello; ma avendolo Saturnino quivi assediato con forze maggiori, gli convenne cedere, ed intanto fu chiamato a Roma. L’andata di Druso Cesare in Germania, secondo le apparenze, fu per pacificare i torbidi insorti fra Arminio e Maroboduo. Altri documenti avendo ricevuto dall’astuto suo padre, fece tutto il contrario, aggiungendo destramente olio a quell’incendio, acciocchè i nemici si consumassero da sè stessi. Abbandonato poi Maroboduo da’ suoi, ricorse a Tiberio, che gli assegnò[p. 60]per abitazione Ravenna, dove aspettando sempre qualche rivoluzione nella Svevia, senza mai vederla, dopo diciotto anni, assai vecchio, compiè la carriera de’ suoi giorni. Fin qui Arminio in Germania avea bravamente difesa la libertà della sua patria contro ai Romani; ma avendola poi voluta egli stesso opprimere, fu in quest’anno ucciso dai suoi, in età di soli trentasette anni di vita. Per un decreto d’Augusto era già stato proibito in Roma l’esercizio della religione egiziana con tutte le sue cerimonie; ma seppe essa mantenersi quivi ad onta della legge sino al presente anno. Un’iniquità commessa da que’ falsi sacerdoti, collo ingannare Paolina, savia e nobilissima dama romana, e darla per danari in preda a Decio Mondo, giovane perduto dietro a lei, con farle credere che di lei fosse innamorato il falso dio Anubi, siccome diffusamente narra Giuseppe storico1, diede ansa al senato di esiliar dall’Italia il culto d’Iside, di Osiride e degli altri dii d’Egitto2. Comandò inoltre Tiberio, che si atterrasse il tempio d’Iside, e si gittasse nel Tevere la sua statua. La medesima disavventura toccò ai Giudei3, che in gran numero abitavano allora in Roma, a cagion di una baratteria usata da alcuni impostori di quella nazione a Fulvia, nobile dama romana, che avea abbracciata la lor religione; avendo essi convertito in uso proprio l’oro e le vesti ricche, dalla medesima inviate a Gerusalemme, affinchè servissero in onore del tempio. Scelsero i consoli quattromila giovani di essi Giudei di razza libertina, e per forza arrolati li mandarono in Sardegna a far guerra ai ladri ed assassini di quell’isola, senza mettersi in pensiero, se quivi avessero da perire per l’aria che in quei tempi veniva creduta maligna e mortifera. Il rimanente de’ Giudei fu cacciato di Roma, e disperso in varie provincie. Vonone, già

  1. Joseph. Antiq., lib. 18, cap. 4.
  2. Tacit. lib. 2, cap. 85.
  3. Sueton. in Tiber., cap. 36.