Apri il menu principale
57 ANNALI D'ITALIA, ANNO XIX. 58

dopo aver deposto Orode figliuolo di Artabano. Diede dei governatori alle provincie della Cappadocia e della Comagene, con isminuire i tributi di quelle provincie; e poscia continuò il viaggio fino in Soria. Più che mai cresceva la boria e la petulanza di Pisone proconsole; e sforzavasi bensì Germanico di pazientare gl’insulti e i mancamenti di rispetto di costui; ma niuno v’era, che non conoscesse l’aperta nimicizia che passava fra loro. Vennero a trovar Germanico gli ambasciadori di Artabano re de’ Parti, per rinnovar l’amicizia e lega, esibendosi quel re di venire alle rive dell’Eufrate per fargli una visita. Una delle loro dimande fu che non permettesse al già deposto re dei Parti Vonone di soggiornar nella Soria. Germanico il mandò a Pompejopoli, città della Cilicia, non tanto per far cosa grata ad Artabano, quanto per far dispetto a Pisone, che il proteggeva non poco a cagion de’ regali e della servitù che ne ricavava Plancina sua moglie. Qui ci vien meno la storia di Dione, e però nulla di più sappiamo de’ fatti de’ Romani nell’anno presente.


Anno di Cristo xix. Indizione vii.
Tiberio imperadore 6.


Consoli


Marco Giunio Silano e Lucio Norbano Balbo


Fece in quest’anno Germanico Cesare un viaggio in Egitto1, per curiosità di veder quelle rinomate antichità, e si portò sino ai confini della Nubia, informandosi di tutto. Per cattivarsi que’ popoli abbassò il prezzo de’ grani, e in pubblico nella città d’Alessandria andò vestito alla greca, perchè quivi predominava quella nazione e la loro lingua2. Tiberio, risaputolo, disapprovò la mutazion dell’abito, e più l’essere entrato in Alessandria, afflitta allora dalla carestia, senza sua licenza. Tornossene dipoi in Soria,[p. 58] dove trovò che tutto quanto egli avea ordinato per l’armata e per le città, era stato disfatto da Pisone. Pertanto divampando forte la loro discordia, prese Pisone la risoluzione d’andarsene lungi dalla Soria; ma sopravvenuta una malattia a Germanico già pervenuto ad Antiochia, si fermò, finchè parve che il di lui male prendesse ottima piega; ed allora si ritirò a Seleucia. Ma l’infermità di Germanico andò poscia crescendo. Sparsesi voce, che per malie d’esso Pisone e di Plancina sua moglie l’infelice principe venisse condotto a poco a poco alla morte; e a tal voce si prestò fede, per essersi trovati vari creduti maleficii. In somma se ne morì Germanico nell’età di trentaquattr’anni, lasciando in una grande incertezza, se la morte sua fosse naturale, oppure a lui procurata da Pisone e da Plancina sua moglie; o per segreti ordini di Tiberio. Universalmente fu creduto quest’ultimo. Non si può esprimere il dolore, non solo del popolo romano e delle provincie tutte del romano impero, ma degli stessi re dell’Asia per la perdita di questo generoso principe. Era egli ornato delle più belle doti di corpo e d’animo, valoroso coi nemici3, clementissimo coi sudditi. Posto in tanta dignità, e con tanta autorità, pure mai non insuperbì, trattando tutti con onorevolezza, e vivendo più da privato che da principe. Già vedemmo, ch’egli ricusò l’imperio, per non mancar di fede e di onor a Tiberio. Non mai fu veduto abusarsi della sua podestà, non mai si lasciò torcere dalla fortuna ad azioni sconvenevoli a personaggio virtuoso. Quel ch’è più, con tutti i torti a lui fatti da Tiberio, suo zio paterno, e padre per adozione, e con tutto il suo ben conosciuto mal talento, non mai si lasciò uscir parola di bocca, per riprovar le azioni di lui. Perciò era amatissimo da tutti, fuorchè dallo stesso Tiberio, anzi maggiormente amato, appunto perchè il conoscevano odiato da esso suo zio. Mirabil cosa fu l’osservare, come lo stesso Druso,

  1. Tacitus, Ann. lib. 1, c. 59.
  2. Sueton. in Tiber., c. 52.
  3. Dio., in Excerptis, et lib. 57.