Apri il menu principale

Pagina:Annali d'Italia, Vol. 1.djvu/53

45 ANNALI D'ITALIA ANNO XV. 46

non poca fatica a mettere in dovere i sollevati che l’assediarono, e ferirono alcuni della di lui scorta. Ma finalmente essendosi ritirati e divisi costoro pe’ quartieri; e chiamati sotto altro pretesto ad uno ad uno i più feroci nella tenda di Druso, dove lasciarono la testa, si quietarono gli altri, ed ebbe fine quel romore. Più strepitosa e di maggior pericolo fu la sollevazion de’ soldati romani nella Germania, perchè quivi dimorava il miglior nerbo delle legioni sotto il comando di Germanico Cesare, che si trovava allora nella Gallia a fare il censo o sia la descrizione dell’anime. Si ammutinò parte di questo esercito per le stesse cagioni che poco fa accennai. Corse perciò colà Germanico; e siccome egli era sommamente amato, perchè dotato di assaissime lodevoli qualità, e il conoscevano per migliore di gran lunga che Tiberio, vollero crearlo imperadore. Costantissimo egli nel non volere mancar di fede a Tiberio suo zio che l’avea anche adottato per figliuolo, allorchè vide di non potere in altra guisa liberarsi dalle lor furiose istanze, cavò la spada per uccidersi. Quest’atto li fermò. Finse poi lettere di Tiberio, quasi ch’egli ordinasse in donativo ad essi soldati il doppio dello stabilito da Augusto; la promessa di sì fatta liberalità, e l’aver eziandio accordato il ben servito ai veterani, li placò. Ma il danaro non concorreva, e intanto giunsero gli ambasciatori di Tiberio, all’arrivo de’ quali di nuovo si sollevarono, e furono vicini a privarli di vita, per timore che fossero spediti ad annullar quanto avea promesso Germanico. Presero anche Agrippina di lui moglie, gravida allora, e il piccolo figliuolo Cajo, soprannominato Caligola. La costanza di Germanico, giacchè non poteano conseguire di più, feceli dipoi tornare al loro dovere. Ed acciocchè stando in ozio non macchinassero altre sedizioni, Germanico li condusse addosso alle terre nemiche dove impiegarono i pensieri e le mani per far buon bottino. Certo è, che Germanico se avesse voluto, sarebbe stato imperatore[p. 46] Augusto; tanto egli avea in pugno l’affetto di quel potente esercito, e il cuore eziandio del popolo romano. Ma superior fu all’ambizione la sua virtù. Cordialissime lettere perciò scrisse a lui e ad Agrippina sua moglie, Tiberio per ringraziarli1: fece anche un bell’encomio di loro nel senato ed ottenne a Germanico la podestà proconsolare, che forse dovea essere terminata la dianzi a lui accordata. Tuttavia internamente continuò più che mai ad odiarli, paventando sempre che in danno proprio si potesse convertire un dì l’amore professato dalle milizie a Germanico2. Non finì quest’anno, che Giulia, figliuola di Augusto e moglie di Tiberio, già per gli eccessi della sua impudicizia relegata in Reggio di Calabria, fu lasciata ovvero fatta morire di stento, se pur non fu in altra più spedita maniera. Sempronio Gracco bandito anch’egli, già passava il quattordicesimo anno, da Augusto nell’isola di Cersina presso l’Africa, in castigo della sua disonesta amicizia colla suddetta Giulia, fu anch’egli tolto di vita.



Anno di Cristo xv. Indizione iii.
Tiberio imperadore 2.


Consoli


Druso Cesare figliuolo di Tiberio

e Caio Norbano Flacco.


Fu massimamente in quest’anno un bel vedere, con che attenzione, moderazione e modestia si applicasse Tiberio al governo3. Non volle che si premettesse al suo nome il titolo d’imperadore. Si adirava con chi osasse chiamarlo signore; e a’ soldati permetteva il nominarlo per imperadore: giacchè tal nome, siccome dissi, solamente allora significava generale d’armata. Il glorioso nome di Padre della Patria non permise mai che il senato glielo desse, forse perchè abborriva l’adulazione,

  1. Dio., lib. 57. Tacitus Annal., lib. i, c. 56.
  2. Tacito. Annal. lib. i. c. 57.
  3. Dio., lib. 57. Suetonius in Tiber., cap. 26.