Apri il menu principale

Pagina:Annali d'Italia, Vol. 1.djvu/393


cavalli, perchè alcuni del popolo dissero qualche burla contro ad uno de’ carrettieri da lui favoriti, ordinò a tutti i soldati di ammazzar chiunque avea parlato. Non conoscendosi i rei di questo gran delitto, restarono molti innocenti uccisi, e gli altri con denari riscattarono la lor vita. Ma perciocchè Roma era divenuta per lui un teatro di nere immaginazioni, se ne partì Caracalla, non già nel precedente, ma nel presente anno, perchè si ha una sua legge1794 data in Roma nel dì 5 di febbraio. Prese il pretesto di visitar le provincie, e di levar dall’ozio le milizie1795. Andò nella Gallia, ed appena arrivato colà, fece morir il proconsole della provincia narbonese, sconvolse tutti quei popoli, guastò i privilegii delle città, e si comperò l’odio di ognuno. Ammalatosi quivi, guarì, e trattò poi crudelmente que’ medici che l’aveano curato. Di là passò nella Germania. Che prodezze egli facesse in quelle parti, non è ben noto. Scrive Sparziano ch’egli verso la Rezia ammazzò molti Barbari, e soggiogò i Germani. Certo è1796 che una specie di guerra fu da lui fatta contra dei Catti e degli Alemanni o Alamanni, il nome de’ quali si comincia ad udire in questi tempi. Se crediamo ad Erodiano1797, fece Caracalla una bellissima figura fra i suoi soldati, perchè andava vestito da fantaccino, era de’ primi ad alzar terreno, a far ponte, marciava a piedi coll’armi, mangiava poveramente al pari di essi, con altre simili scene di bravura. Dione1798 confessa anch’egli che la funzion di soldato seppe farla, fingendo nondimeno più di quel che era; ma non già quella di generale; e ch’egli in quella spedizione si fece assai ridere dietro dai popoli della Germania. Venivano i lor deputati fin dall’Elba per dimandar pace, ma nello stesso tempo dimandavano danaro; e Caracalla, dopo aver fatta qualche rodomontata, li pagava bene, ed accordava loro delle pensioni, comperando a questo prezzo la loro amicizia. Anzi si cominciò ad affratellar cotanto con loro, che si vestiva alla lor moda, portava parrucca bionda, per assomigliar i loro capelli, e venne fino ad arrolar nelle sue schiere, ed anche nelle sue guardie, moltissimi di loro, con fidarsi da lì innanzi più di essi che dei soldati romani. Trattava anche in segreto alle volte con quei deputati, non essendovi presenti che gl’interpreti, a’ quali fece poi levar la vita, affinchè non rivelassero le sue conferenze. In somma, o per diritto o per rovescio, tanto egli fece, che prese il titolo di Germanico, il quale comincia a vedersi nelle monete1799 di questi tempi. Truovasi anche appellato Imperadore per la terza volta, che non dà un sicuro indizio di vittoria, trattandosi di questo general da commedia.




Anno di Cristo CCXV. Indizione VIII.
ZEFIRINO papa 19.
CARACALLA imperad. 18 e 5.

Consoli

LETO per la seconda volta e CEREALE.

Un’iscrizione, probabilmente spettante a questo Leto console, e da me riferita nella mia Raccolta1800, se fosse a noi pervenuta ben intera, forse ci scoprirebbe ch’egli fu della famiglia Catia. Altri nomi loro dati dagl’illustratori de’ Fasti, per essere dubbiosi, io li tralascio. Sparziano scrive1801 che un Leto, il quale era stato il primo a consigliar Caracalla di uccidere Geta, fu anche il primo forzato a morir col veleno, a lui inviato dallo stesso Caracalla; e però non dovrebbe essere questo che fu ora console. Dalla Germania, secondo il medesimo Sparziano, passò Caracalla nella Dacia, oggidì Transilvania, e vi si