Apri il menu principale


contuttochè egli avesse contratti gli sponsali con Fabia figliuola di Lucio Cejonio Commodo, e sorella del suddetto Lucio Vero. Gliene fece far la proposizione per Giulia Faustina sua moglie, con dargli tempo di pensarvi. Si credette in fine Marco Aurelio di assicurar meglio la sua fortuna con questo matrimonio; e però disciolti gli sponsali suddetti, s’indusse ad isposare Annia Faustina. Non si sa bene se seguissero tali nozze nell’anno presente. Prima anche d’esse Antonino, per maggiormente comprovare al destinato genero il suo compiacimento ed affetto, gli conferì il titolo di Cesare, e il designò1072, ad istanza del senato, console seco per l’anno seguente, contuttochè egli non fosse se non questore, nè avesse esercitate altre cariche pubbliche. Il fece anche accettare ne’ Collegi de’ sacerdoti, e passare nel palazzo di Tiberio, con formargli una corte da par suo, benchè egli ripugnasse. Assegnò anche Antonino1073 in dote alla figliuola tutti i suoi beni patrimoniali, con riserbarsene nondimeno l’usufrutto sua vita natural durante per gli bisogni dello stato. Servono le medaglie1074, coniate nel secondo consolato di Antonino Pio, cioè nell’anno presente, per farci conoscere che egli diede un re ai Quadi, e un altro ai popoli dell’Armenia.




Anno di Cristo CXL. Indizione VIII.
IGINO papa 3.
ANTONINO PIO imperadore 3.

Consoli

TITO ELIO ADRIANO ANTONINO PIO AUGUSTO per la terza volta e MARCO ELIO AURELIO VERO CESARE.

Siccome il regno di Antonino Pio fu regno tutto di pace, perchè quest’ottimo principe, privo d’ambizione e nulla sitibondo della gloria vana, unicamente attese a rendere felici i suoi popoli: mestiere che dovrebbe essere quello di tutti i regnanti: così la di lui vita non ci somministra varietà d’azioni da poter empiere gli anni del suo lungo imperio. Oltre di che son perite le antiche storie, che parlavano de’ fatti di lui, nè altro ci resta, che la breve sua vita scritta da Giulio Capitolino, mancante di quel filo ch’è necessario per riferir cronologicamente anno per anno le di lui imprese. Sia pertanto ora a me lecito di riportar qui il ritratto di questo insigne Augusto, che anche il Tillemont1075 raccolse da esso Capitolino1076, dai libri di Marco Aurelio1077 suo figliuolo adottivo, da Dione1078, e da altri pochi rimasugli dell’antichità. Fu Antonino Pio provveduto dalla natura di un corpo di alta statura e ben fatto, con volto maestoso e insieme dolce, con voce grata ad udirla; allegro nella conversazione, ma senza eccesso; buon economo del suo, e insieme liberale e magnifico alle occorrenze, con dilettarsi molto di stare alla campagna, dove facea fruttare i suoi beni, e solea divertirsi colla caccia e colla pesca, e in città coll’intervenire alle commedie e buffonerie degl’istrioni. Studioso della sobrietà, anche giunto all’imperio, sempre la conservò, contento de’ cibi ordinari, senza cercarne de’ rari e senza lusso: con che visse molto, senza bisogno di medici nè di rimedi. I suoi conviti o pubblici, o privati erano per lo più conditi dai discorsi de’ suoi commensali amici, andando anch’egli talvolta a pranzare in casa loro con tutta confidenza. Usava1079 la mattina di ammettere alcuno all’udienza, di mangiare un tozzo di pan secco, per aver lena agli affari, nei quali sempre si dimostrò applicato e indefesso. Compiacevasi ancora di andar come persona privata alle vendemmie