Apri il menu principale

Pagina:Annali d'Italia, Vol. 1.djvu/244

427 ANNALI D'ITALIA, ANNO CXVII. 428


Anno di Cristo CXVII. Indizione XV.
Sisto papa 1.
Adriano imperadore 1.


Consoli


Quinzio Negro ed Gajo Visptanio Aproniano.


Secondo l’opinione de’ migliori, l’anno fu questo, in cui santo Alessandro papa gloriosamente terminò i suoi giorni col martirio. Dopo lui, Sisto tenne il pontificato romano. Soggiornando Trajano verso l’Oceano, tuttavia co’ pensieri e desiderii di veder l’Indie, si fece condurre in nave pel golfo, che Dione1 ed Eutropio2 chiamano il mar Rosso, ma che, secondo tutte le apparenze, fu il golfo Persico. Aggiugne Dione ch’egli s’inoltrò in quelle parti sino al luogo, dove si crede che morisse il grande Alessandro, con far ivi le cerimonie funebri in memoria di lui. Ma restò ben deluso, perchè dopo la relazione di tante belle cose che si diceano di que’ paesi, altro non vi trovò che favole e luoghi rovinati. In questo mentre gli vien nuova, che i Parti si son ribellati, e si son perdute tutte le conquiste della Persia e della Mesopotamia, colla morte e prigionia delle milizie lasciatevi di guarnigione. Non tardò Trajano ad inviar colà Massimo e Lucio Quieto. Differente fu la fortuna di questi due generali. Massimo in una battaglia vi lasciò la vita. Lucio Quieto, all’incontro, moro di nazione, ricuperò Nisibi, ed espugnata Edessa, le diede il sacco e la incendiò. Alla medesima pena fu esposta la città di Seleucia, presa da Ericio Claro e da Giulio Alessandro. Tali novità fecero risolvere Trajano a mutar disegno intorno a que’ paesi, scorgendo assai, che non gli sarebbe riuscito di conservarli come provincia, e sotto il governo dei magistrati romani. Però, tornato a Ctesifonte, e fatti raunare in una gran pianura[p. 428] i Romani e i Parti, salito sopra un eminente trono, dichiarò re dei Parti Partamaspare personaggio di quella nazione, chiamato Psamatossiris da Sparziano3, e gli pose in capo il diadema: risoluzione abbracciata volentieri ed applaudita da que’ popoli. Indi passò nell’Arabia Petrea, che s’era anch’essa ribellata; ma vi trovò il paese molto brutto, nè vi potè prendere Atra lor capitale, con patirvi ancora insoffribili caldi e molti altri disastri. Credesi nondimeno da alcuni ch’egli pervenisse fino all’Arabia Felice. Negli stessi tempi4 continuarono più che mai le sedizioni e ribellioni de’ Giudei nella Mesopotamia, nell’Egitto e in Cipri. Attesta Eusebio5, che in Salamina città di Cipri prevalse la forza de’ Giudei contra de’ Gentili, di modo che quella città rimase spopolata. Ma Artemione capitano de’ Cipriotti così fattamente perseguitò i Giudei in quell’isola, che li disertò affatto, facendosi conto, che ivi tra Gentili e Giudei perirono dugento quarantamila persone. Fu anche spedito Lucio Quieto il Moro contra de’ medesimi nella Mesopotamia, che, col farne un’orrida strage, diede fine alla loro inquietudine.

Ma che? tutte queste vittorie e conquiste di Trajano, che costarono tanto sangue e tante spese e fatiche ai Romani, non istettero molto a svanir in fumo; perchè appena ritirossi da quelle contrade Trajano, che le cose ritornarono nel primiero stato, senza restarvi un palmo di dominio pe’ Romani. E se ne ritirò per forza Trajano, perchè nel mese di luglio cominciò a sentire aggravata la sua sanità da male pericoloso, che da lui fu creduto veleno; ma si attribuisce da altri a cessazion delle emorroidi, e da altri ad un tocco di apoplessia, per cui restò offesa qualche parte del suo corpo. Altri in fine vogliono ch’egli fosse assalito dall’idropisia. Questo qua-

  1. Dio., lib. 68.
  2. Eutropius, in Breviar.
  3. Spartianus, in Vita Hadriani.
  4. Dio., lib. 68.
  5. Euseb., in Chron.