Apri il menu principale
407 ANNALI D'ITALIA, ANNO CIX. 407

scere, che nel dì 23 di agosto dell’anno presente erano consoli Appio Annio Gallo e Lucio Verulano Severo, o pur Severiano. O sul fine del precedente anno, o nella primavera del presente, sbrigato dagli affari della Dacia, se ne ritornò Trajano a Roma, ed ivi celebrò il secondo suo trionfo dei Daci con magnifiche feste, e massimamente perchè correvano i decennali del suo imperio, che solevano solennizzarsi con gran pompa1. Attesta Dione che, arrivato Trajano a Roma, vennero molte ambascerie di nazioni barbare, e fino dall’India a visitarlo, chi per bisogni, chi per ossequio. Quattro mesi durarono in Roma i pubblici spettacoli e divertimenti, consistenti per lo più in combattimenti di lioni e di altre feroci bestie, oppur di gladiatori. Giorni vi furono, nei quali si videro uccisi mille di questi fieri animali, e in più altri arrivò la somma a diecimila. Si fece conto che anche dieci migliaja di gladiatori diedero orrida mostra della lor arte, combattendo fra loro negli anfiteatri. In questi tempi ancora attese Trajano a formare e selciare una strada pubblica per le paludi pontine, con fabbricar anche case e ponti di gran magnificenza lungo di essa via, per comodo de’ viandanti e del commercio. E perchè si trovava molta moneta o di bassa lega, o strozzata, o falsa; ordinò il saggio imperadore, che tutta fosse portata alla zecca, dove fu disfatta per rifarne della buona e di giusto peso. A quest’anno si crede che appartenga il terzo congiario o regalo, che Trajano diede al popolo romano, espresso da una medaglia, riferita dal Mezzabarba2. Mette il Tillemont3 con altri scrittori in questi tempi la spedizion di Trajano contro de’ Parti, o sia de’ Persiani; ma certamente è da anteporre la sentenza d’altri, che molto più tardi parlano di quelle imprese. Succedette, secondo[p. 408] la cronica di Damasco4, nel presente anno il glorioso martirio di santo Evaristo papa, in cui luogo fu posto Alessandro.


Anno di Cristo CIX. Indizione VII.
Alessandro papa 2.
Trajano imperadore 12.


Consoli


Aulo Cornelio Palma per la seconda volta, e Cajo Calvisio Tullo per la seconda.


Si tien per certo, che a questi consoli ordinari fossero sostituiti (forse nelle calende di luglio) Publio Elio Adriano, che poi divenne imperadore, e Lucio Publilio, o piuttosto Publicio Celso. Era stato Adriano pretore in Roma nell’anno 107, per testimonianza di Sparziano5, e Trajano gli avea donato due milioni di sesterzi, che si credono far la somma di cinquantamila scudi d’argento, acciocchè potesse celebrare i giuochi soliti a darsi da chi entrava in quel riguardevole uffizio. Pretende il Salmasio6, che Sparziano scrivesse il doppio. Fu nel precedente anno inviato con titolo di legato pretorio, o sia di vicepretore esso Adriano nella bassa Pannonia: mise in dovere i Sarmati, che aveano fatto qualche novità ne’ confini dell’imperio romano; restituì la disciplina fra le milizie di quelle parti; e fece altre azioni, per le quali si meritò il consolato nell’anno presente. Non avea figliuoli Trajano, e Adriano suo cugino non ometteva diligenza ed arte alcuna per giungere a succedergli nell’imperio, aiutandosi spezialmente con far la corte alla imperadrice Plotina, e col tenersi amico Lucio Licinio Sura, uno de’ favoriti di Trajano. Fu appunto in quest’anno, che Sura gli diede la buona nuova, qualmente Trajano

  1. Dio., lib. 68.
  2. Mediobarb., in Numism. Imperat.
  3. Tillemont, Mémoires des Empereurs.
  4. Anastas, Bibliothec.
  5. Spartian., in Vita Hadriani.
  6. Salmas., in Notis ad Spartian.