Apri il menu principale

Pagina:Annali d'Italia, Vol. 1.djvu/174

287 ANNALI D'ITALIA, ANNO LXX. 288

permessi in Cremona, Roma ed altrove, per guadagnarsi l’affetto de’ soldati, gli tagliò in fine le gambe1. Per conto di Varo, gli tolse la prefettura del pretorio, dandogli quella dell’annona, e sostituì nella prima carica Clemente Aretino, parente di Vespasiano.

Allorchè si compiè la tragedia di Vitellio, si trovava Vespasiano in Egitto, Tito suo figliuolo nella Giudea. Non sì tosto ebbe Vespasiano avviso di quanto era avvenuto, che spedì da Alessandria a Roma una copiosa flotta di navi cariche di grano, perchè le soprastava una terribil carestia, e l’Egitto da gran tempo era il granaio de’ Romani, affinchè quel gran popolo abbondasse di vettovaglia. Se vogliam credere a Filostrato2, Vespasiano fece di gran bene all’Egitto, con dare un saggio regolamento a quel paese, esausto in addietro per le soverchie imposte, Dione3 all’incontro attesta che gli Alessandrini, i quali si aspettavano delle notabili ricompense, per essere stati i primi ad acclamarlo imperadore, si trovarono delusi, perchè egli volle da loro buone somme di danaro, esigendo gli aggravii vecchi non pagati, senza esentarne nè meno i poveri, ed imponendone di nuovi. Questo era il solo difetto o vizio (se pure, come diremo, tal nome gli competeva) che s’avesse Vespasiano. Perciò il popolo di Alessandria, popolo per altro avvezzo a dir quasi sempre male de’ suoi padroni, se ne vendicò con delle satire, e con caricarlo d’ingiurie e di nomi molto oltraggiosi. Perciò vi mancò poco che Vespasiano, quantunque principe savio ed amorevole, non li gastigasse a dovere; e l’avrebbe fatto, se Tito suo figliuolo non si fosse interposto, per ottener loro la grazia, con rappresentare al padre, «che i saggi principi fanno quel che debbono, o credono ben fatto, e poi lasciano dire.» Nella state venne [p. 288]Vespasiano Augusto alla volta di Roma. Arrivato a Brindisi, vi trovò Muciano, ch’era ito ad incontrarlo colla primaria nobiltà di Roma. Trovò a Benevento il figliuolo Domiziano, che già aveva cominciato a dar pruove del perverso suo naturale, con varie azioni ridicole, o con prepotenze. Perchè egli nella lontananza del padre si era arrogata più autorità che non conveniva, e trascorreva anche in ogni sorta di vizii: Vespasiano in collera parea disposto a de’ gravi risentimenti contra di questo scapestrato figliuolo4. Il buon Tito suo fratello fu quegli che perorò per lui, e disarmò l’ira del padre. Non lasciò per questo Vespasiano di mortificar la superbia di esso Domiziano. Accolse poi gli altri tutti con gravità condita di cordiale amorevolezza, trattando non da imperadore, ma come persona privata con cadauno. Aveva egli molto prima inviato ordine a Roma, che si rifabbricasse il bruciato Campidoglio, dando tal incombenza a Lucio Vestino, cavaliere di molto credito. Nel dì 21 di giugno s’era dato principio a sì importante lavoro con tutto il superstizioso rituale e le cerimonie di Roma pagana, con essersi gittate ne’ fondamenti assai monete nuove e non usate, perchè così aveano decretato gli aruspici. Giunto da lì a non molto Vespasiano a Roma, per meglio autenticar la sua premura per quella fabbrica, e per alzar quivi un sontuoso tempio5, fu dei primi a portar sulle sue spalle alquanti di que’ rottami; e volle che gli altri nobili facessero altrettanto, affinchè dal suo e loro esempio si animasse maggiormente il popolo all’impresa. E perciocchè nell’incendio d’esso Campidoglio erano perite circa tremila tavole di rame, o sia di bronzo, cioè le più preziose antichità di Roma, perchè in simili tavole erano intagliate le leggi, i decreti, le leghe, le paci e gli altri atti più insigni del senato e del popolo romano fin dalla fondazione di Roma,

  1. Tacitus, Histor., lib. 4, cap. 69.
  2. Philostratus, in Apollon. Tyan.
  3. Dio., lib. 66.
  4. Tacitus, Histor., lib. 4, cap. 52.
  5. Sueton., in Vespasiano, c. 8.