Apri il menu principale
54 amleto
POLONIO.
Quella di Giulio Cesare; fui ucciso in Campidoglio; Bruto mi ammazzò.
AMLETO.
Fu cosa brutale in lui l’immolare una tal ostia.1 — Che siano pronti gli attori?
ROSENCRANTZ.
Si, principe; essi aspettano il vostro cenno.
REGINA.
Vieni qui, mio buon Amieto, siedi vicino a me.
AMLETO.
No, buona madre, qui vi è calamità più attraente.
POLONIO.
Oh, oh! udiste ciò? (Al Re.)
AMLETO.
Signora, potrò io adagiarmi sulle vostre ginocchia? (Assidendosi ai piedi d’Ofelia.)
OFELIA.
No, signore.
AMLETO.
Intendo, adagiare il capo sui vostri ginocchi?
OFELIA.
Si, principe.
AMLETO.
Pensate ch’io volessi dire cosa villana?
OFELIA.
Non penso nulla, signore.
AMLETO.
E un bel pensiero quello di adagiarsi ai piedi delle fanciulle.2
OFELIA.
Che è ciò, signore?
AMLETO.
Nulla.
OFELIA.
Siete allegro, signore.
AMLETO.
Chi, io?
OFELIA.
Sì, principe.
AMLETO.
Oh Dio, sono il vostro giullare e null’altro. Che cosa di meglio ha da far l’uomo che di essere allegro? Guardate come il contento traspira dagli occhi di mia madre, e non son due ore che mio padre è morto.
OFELIA.
No, principe, sono due volte due mesi.
AMLETO.
Tanto tempo? Allora il diavolo porti il bruno, ch’io indosserò una tunica di tessuto più fino! Oh cielo! morto son già due mesi e non per anche dimenticato? In tal caso vi è da sperare che la memoria di un grand'uomo possa sopravvivergli almeno un mezzo anno; ma, per la Madonna, converrà perciò che abbia eretto delle chiese, o altrimenti correrà rischio di essere obliato come l’animale, il cui epitaffio è: qui si corrompe una bestia senza nome.3
Squillo di trombe: comincia la pantomina. Entrano un
  1. L’ammazzare un così bel vitello.
  2. To lie between maids’ legs, che omettiamo di tradurre.
  3. With the hobby-horse, whose epitaph is: for, o, for, o, the hobby-house is forgot, col cavallo di legno.... dimenticato. Il cavallo di legno, a cui accenna il poeta, figurava nelle giostre, e fu fatto sbandire dai Puritani che vedevano in quel simulacro di bestia qualche cosa di papale. Un bell’umore ne scrisse l’epitaffio citato qui da amleto. Ben Jonson e Strutt descrissero diffusamente tutti i giuochi e le mosse che faceva il cavallo di legno. Questo passo nondimeno, a cui ci siamo sforzati di dare un senso, ha confuso fin qui tutti i commentatori.