Apri il menu principale

Pagina:Amleto (Rusconi).djvu/48



ATTO TERZO




SCENA I.

Una stanza della reggia.


Entrano il Re, la Regina, Polonio, Ofelia, Rosencrantz e Guildenstern.

RE.
E non avete potuto con alcun espediente sapere da lui la cagione del suo turbamento, della dolorosa pazzia che è venuta cosi ad un tratto a funestare la pace dei suoi giorni?
ROSENCRANTZ.
Egli confessa che la sua mente è alienata, ma non vuol dirne il motivo.
GUILDESTERN.
Né lo trovammo disposto a lasciarsi scrutare; la sua astuta pazzia rese sempre vani i nostri sforzi allorchè volevamo indurlo a confessarci il suo vero stato.
REGINA.
Vi accolse egli bene?
ROSENCRANTZ.
Da vero gentiluomo.
GUILDESTERN.
Ma mostrando di far forza a sè stesso.
ROSENCRANTZ.
Parco di dimande; ma pronto a rispondere liberamente alle nostre.
REGINA.
Lo invitaste a qualche diporto?
ROSENCRANTZ.
Signora, accadde che certi commedianti si trovassero per la nostra strada; di questi gli parlammo, e parve lieto dell’annunzio. Essi sono alla corte, e credo abbiano già ricevuto l’ordine di recitare questa sera dinanzi a lui.
POLONIO.
È verissimo; e mi disse di pregare le Vostre Maestà a voler assistere al trattenimento.
RE.
Con tutto il cuore; e mi fa piacere di udirlo così ben disposto. Buoni signori, dategli un ulteriore eccitamento e mantenetelo fermo in questi diletti.
ROSENCRANTZ.
Lo faremo, signore. (Esce con Guildenetern.)
RE.
Cara Gertrude, lasciaci anche tu; abbiamo segretamente mandato a cercare Amleto, che dovrà incontrare qui Ofelia, come per caso. Suo padre ed io (onesti esploratori) ci metteremo in parte dove possiamo ve-