Apri il menu principale

Pagina:Alighieri - Le terze rime, Aldo, 1502.djvu/158


INF- I premerci di mi concetto il fuco Viu pienamente:ma perch’i non l’habbot Non Jèn^t tema a dicer mi conduco: C he non è mprefu ¿¿pigliar a gibbo Defcriuer fondo a tutto luniuerfò ) Ne da lmouatchechiami mamma,o babbo• M a quelle donne aiutino’l mio uerfò, ch’aiutar Amphion a chiuder Ihebe) Si che dal fitto il dir non fi a diuerfò. O foura tutte mal creata plebe) che fhti nel loco,onde parlare è duro Me fòjh fhtte qui pecore,o febe* C omc noi fummo <gu nel pozzo faro Sotto i pie del ggtnte affài più baffiy Et io guarda# anchor all’alto muro5 D icer udimi,giArdaycovie pajfi: E a fiyche tu non atlchi con le piante Le te/k- de fratei mi/èri laffì: P erch’i mi uolfiyet uidimi dauante Et fotto piedi un lag))che per <glo Hauea di uetroyetnon d’acqua fèmbiante• N on fece al corfo fuo fi groffò uelo Di uerno la Danoia m Aufkricch Ne7 Tanai la fòtto’l freddo cielo3 C ornerà quiui.che fe Tabernicch vi fòffe fu caduto,o Pictrapana; No» hauria pur da l’orlo fitto cricch. E t com a gracidar fi fht la rana Col mufo fùor de laequa,quando fogna Di Jfigolar fouente la uiUana5